Premi di rischio più bassi sui prestiti per paese

Il premio per il rischio azionario, o premio azionario, è il rendimento in eccesso che gli investitori del mercato azionario possono accumulare a un tasso privo di rischio, più comunemente attraverso i buoni del tesoro governativi. In poche parole, il tasso di premio al rischio è il tasso di prestito meno il tasso del tesoro del tesoro. In generale, i premi di rischio sono generalmente inversamente proporzionali al prezzo per le attività rischiose.

I premi variano a seconda del livello di rischio nell'economia di ciascun paese e cambiano anche nel tempo in quanto il rischio di mercato oscilla. Il premio al rischio azionario sui prestiti per un dato paese è determinato prendendo in considerazione una serie di fattori, tra cui il rischio economico, la volatilità del prodotto interno lordo (PIL), lo stato dell'infrastruttura e dei sistemi di comunicazione e i dati storici. I dieci paesi discussi di seguito sono i leader internazionali in bassi tassi di prestito del rischio azionario. Tutti erano inferiori al 2, 5% nell'anno 2015.

Moldavia (-6, 4%)

Sebbene la Repubblica di Moldova sia una delle nazioni più povere d'Europa, e nonostante la continua instabilità politica e le frodi bancarie, l'economia del paese è cresciuta costantemente dal 2001. La Moldova ha compiuto notevoli riforme economiche dalla sua indipendenza dall'Unione Sovietica nel 1991. Esportazioni al L'Unione europea (UE) è aumentata dalla firma degli accordi di zona di libero scambio globale e approfondito (DCFTA). I prezzi sono stati liberalizzati e le sovvenzioni sui beni di consumo di base sono state in gran parte eliminate. Anche la privatizzazione dei terreni agricoli della Moldova ha avuto un effetto positivo sull'economia.

Zambia (-5, 8%)

Il successo economico dello Zambia è il risultato di standard bancari avanzati, alti prezzi delle materie prime e stabilità politica. Dal 2000, lo Zambia è stato in grado di ridurre significativamente la povertà attraverso l'attuazione di programmi nazionali e internazionali. Il potere governativo viene tenuto sotto controllo da un tasso di cambio fluttuante e da mercati dei capitali aperti. La produzione di rame continua ad aumentare, mentre la diversificazione delle esportazioni e un aumento del turismo promuovono anche la stabilità economica.

Egitto (0, 3%)

L'Egitto ha fatto grandi passi avanti per ricostruire, riformare e migliorare la sua economia dopo anni di sconvolgimenti politici. La recente stabilità politica ha riacceso l'industria del turismo, fornendo entrate molto necessarie. Ulteriori incentivi sono stati messi in atto per incoraggiare investimenti più dinamici e creare nuovi posti di lavoro nel settore privato. La riuscita riforma dei sussidi per i carburanti ha anche contribuito notevolmente a un'economia già diversificata e vivace.

Sri Lanka (0, 3%)

Con un'economia guidata dall'agricoltura, dall'abbigliamento e dal turismo, negli ultimi anni lo Sri Lanka ha fatto passi da gigante verso la privatizzazione. Ci sono state ampie riforme delle leggi fiscali, tariffarie e di investimento straniere. Il settore dei servizi in espansione ha anche stimolato la crescita economica, in particolare negli ultimi cinque anni.

Messico (0, 4%)

Le riforme costituzionali in materia di energia, istruzione e telecomunicazioni sono state un vantaggio per l'economia messicana. Sono stati compiuti sforzi recenti per migliorare l'efficienza normativa e liberalizzare i regimi di investimento. La stabilità bancaria continua ad attirare un numero crescente di investitori stranieri e il settore finanziario ha mantenuto la propria competitività di fronte alle recenti sfide finanziarie globali.

Malesia (1, 5%)

La Malesia ha recentemente intrapreso ampie riforme strutturali per incoraggiare l'imprenditorialità creativa. Nel 2015, il governo ha avviato un'innovativa iniziativa pluriennale per ridurre ed eventualmente eliminare i sussidi per il carburante. Il settore delle finanze pubbliche rimane stabile e vi è un costante miglioramento dell'efficienza normativa.

Islanda (1, 7%)

L'economia islandese ha avuto un grande successo durante la crisi bancaria del 2008, ma il paese ha fatto grandi passi avanti di recente nei settori delle finanze pubbliche e della riforma delle politiche. Il sistema bancario islandese ha subito una profonda ristrutturazione. Combinata con un solido quadro giuridico, una corruzione minima e un sistema normativo competitivo, l'economia islandese si sta riprendendo.

Ungheria (1, 7%)

L'Ungheria ha abbracciato la modernizzazione del commercio e degli investimenti durante la transizione verso un'economia di libero mercato. I nuovi regolamenti consentono innovazione e flessibilità nelle pratiche commerciali. Nel 2015, il governo ha risposto a un calo dei prezzi del petrolio in tutto il mondo abbassando i prezzi energetici nazionali regolati. Anche i sussidi all'agricoltura vengono drasticamente riformati.

Canada (2, 3%)

I solidi fondamentali economici e la prudenza finanziaria del Canada sono serviti bene negli ultimi anni. Il suo settore bancario è rimasto stabile nonostante le sfide finanziarie globali e nazionali. Le politiche di mercato aperto e l'attenzione al commercio e agli investimenti globali hanno anche mantenuto l'economia in crescita.

Uruguay (2, 4%)

L'Uruguay è un paese straordinario rispetto alla maggior parte degli altri in America Latina a causa della sua lunga intolleranza per la corruzione e della sua storia di pratiche economiche aperte. Gli investitori internazionali sono attratti da miglioramenti nell'efficienza normativa e le istituzioni finanziarie sono state rinnovate per incoraggiare un maggiore utilizzo dei servizi da parte del pubblico in generale.

Premi di rischio più bassi sui prestiti per paese

RangoNazioneTassi di prestito Premium a rischio nel 2015
1Moldova-6, 4%
2Zambia-5, 8%
3Egitto0, 3%
4Sri Lanka0, 3%
5Messico0, 4%
6Malaysia1, 5%
7Islanda1, 7%
8Ungheria1, 7%
9Canada2, 3%
10Uruguay2, 4%

Raccomandato

Che tipo di governo hanno gli Emirati Arabi Uniti?
2019
The Worst Decades for Crime
2019
La gente del Liechtenstein
2019