Principali paesi esportatori e importatori di carbone di legna

Esistono due tipi di combustibili a base di carbonio che comunemente vengono definiti "carbone". Uno è il carbone estratto che è un combustibile fossile, che richiede migliaia di anni per formarsi e che quando è bruciato è inquinante e causa problemi di salute. L'altro è carbone di legna che richiede alcuni giorni per produrre ed è relativamente più sicuro per la salute umana. Il carbone di legna è stato usato dagli esseri umani per quasi 30.000 anni.

Metodi di produzione e usi per i carboncini di legno

Legno impilato, tronchi, o anche rifiuti da vecchi mobili in fosse sotterranee sono coperti di fango o metallo, e bruciato lentamente senza ossigeno per circa cinque giorni. I produttori moderni intraprendono questo processo anche nelle costruzioni di cemento e nelle fornaci. Questo processo brucia sostanze volatili, acqua e linfa nel legno, lasciandosi dietro il carbone puro, che si accende rapidamente e produce il 30% in più di calore o energia rispetto al legno, e ha prestazioni migliori rispetto al carbone antracite. Tuttavia, la conversione del legno in carbone di legna comporta una perdita di energia di circa il 60%. Il carbone di legna viene usato nella sua forma naturale o come bricchette, dove il carbone viene schiacciato, compresso e modellato in forme regolari usando amidi leganti naturali. Il carbone di legna è un prodotto ad alto volume e basso valore, quindi le mattonelle possono ridurre i costi di trasporto.

Il carbone di legna era l'articolo che veniva commercializzato di più in epoca preistorica, tuttavia dal momento che è sempre stato un processo laborioso e sporco, le persone coinvolte nella sua produzione occupavano uno status sociale basso. Il carbone di legna è stato utilizzato per la cottura e in passato diverse industrie, che in molti casi sono state sostituite dal carbone industriale. Fu utilizzato come combustibile metallurgico nella produzione di ferro fin dai tempi dei fabbri, e in seguito anche nella produzione su scala industriale del ferro. Più recentemente, il carbone di legna viene utilizzato per produrre "gas di legna" che viene utilizzato nelle automobili come combustibile. È stato utilizzato anche in precedenza per la produzione di medicinali e l'uso artistico.

I più grandi produttori e importatori di carburanti a carbone

La produzione di carbone è aumentata in tutto il mondo da 18 milioni di tonnellate nel 1965 a 47 milioni di tonnellate nel 2009, periodo in cui l'Africa produceva il 63% del carbone nel mondo. I maggiori contribuenti all'esportazione globale di carbone, Paraguay (12%), India (11%), Indonesia (11%), Argentina (11%) e Somalia (5%) rappresentano metà delle esportazioni di carbone.

L'industria carboniera del Paraguay è uno dei principali motori della deforestazione delle già scarse foreste tropicali secche. Biomassa e carbone sono i principali combustibili per uso alimentare e industriale. L'esportazione di carbone è una delle sue entrate principali e supera il consumo interno. Il suo principale importatore è il Brasile stesso un grande produttore, con camion carichi di carbone che attraversano illegalmente i confini. Inoltre, il carbone vegetale di alta qualità viene esportato in Spagna, Germania, Belgio, Brasile, Israele e Cile. Allo stesso modo la produzione di carbone è un'attività illegale in Indonesia. L'India produce carbone attivo, carbone di legno duro, carbone di cocco, polvere di carbone su larga scala utilizzando moderne tecnologie e macchinari. L'India ha esportato il 18% del carbone di legna prodotto nel 2014. Gli Stati Uniti sono i principali importatori.

I paesi che detengono la quota più elevata di importazioni mondiali di carbone sono la Germania (9%), la Cina (8%), la Malesia (8%), il Giappone (7%) e la Repubblica di Corea (6%). La Germania importa carbone per un valore di 111 milioni di dollari, provenienti principalmente dalla Polonia (40%), Paraguay (12%), Nigeria (6, 7%), Francia (6, 3%), Bosnia-Erzegovina (5, 3%), Ucraina 3%) e Indonesia (4, 5%). Il carbone di legna è utilizzato principalmente nel settore del tempo libero per barbecue e ristoranti, nonché per scopi industriali come la fusione. La Cina importa 75 milioni di dollari di carbone principalmente da India, Myanmar, Colombia, Indonesia, Tailandia e Costa d'Avorio. La crescente domanda cinese di carbone è guidata dalla sua produzione di silicio che rappresenta il 50% della produzione mondiale.

Impatti ambientali e sociali dell'uso del carbone di legna

Sono necessarie da 6 a 15 tonnellate di legno per produrre una tonnellata di carbone, di conseguenza molte foreste africane sono già state perse a causa delle esportazioni di carbone in Europa. Il Paraguay perde quasi 40.000 ettari di foreste ogni anno a causa dell'esportazione illegale di carbone e altri 12.000 ettari per la produzione di carbone per barbecue in Europa. Inoltre, i produttori di carbone del Paraguay che per lo più gestiscono unità rurali su piccola scala guadagnano poco da questo commercio. D'altra parte, rispetto alla produzione di cherosene, carbone, gas di petrolio liquido, legna da ardere ed elettricità, la produzione di un Terajoule di energia per carbone dà lavoro a da 200 a 350 persone. In India, Pakistan, Filippine, Nepal e Myanmar, l'industria fornisce occupazione fino al 6% al 10% delle loro popolazioni rurali.

Principali paesi esportatori e importatori di carbone di legna

RangoPaese di esportazioneQuota percentuale delle esportazioni totali di carbone di legnaPaese di importazioneQuota percentuale delle importazioni totali di carbone di legna
1Paraguay12Germania9
2India11Cina8
3Indonesia11Malaysia8
4Argentina11Giappone7
5Somalia5Repubblica di Corea6

Raccomandato

Siti del patrimonio mondiale dell'Unesco in Ucraina
2019
In quale stato si trova Washington, DC In?
2019
Cosa significano i colori e i simboli della bandiera della Corea del Sud?
2019