Presidenti della Russia dopo la caduta dell'Unione Sovietica

La Russia ha un governo semi-presidenziale in cui il presidente e il primo ministro condividono le responsabilità di governo. L'attuale presidente della Russia è Vladimir Putin. Di seguito è riportato un elenco di presidenti che hanno servito il paese da quando l'Unione Sovietica è stata sciolta.

Boris Yeltsin: 1991 - 1999

Boris Eltsin fu il primo presidente della Russia dopo la caduta dell'Unione Sovietica. Era nato il 1 ° febbraio 1931 nel villaggio di Butka a Ekaterinburg, noto anche come Sverdlovsk Oblast, in una famiglia di contadini. Il primo passo di Eltsin nella politica sovietica iniziò nel 1968 quando si unì e divenne attivo nel partito. Nel 1976, fu nominato il primo segretario del comitato centrale del distretto di Sverdlovsk, un ruolo simile a un governatore negli Stati Uniti. Il lavoro di Eltsin nel distretto gli procurò una reputazione di riformatore. La sua importanza nella politica sovietica aumentò ulteriormente nel 1985 dopo che Mikhail Gorbachev, allora capo sovietico, lo portò a Mosca come segretario del Partito Comunista. Nel 1987-1988, Eltsin si scontrò e criticò Gorbachev sul ritmo delle riforme. Di conseguenza, è stato privato del posto di segretario del Partito Comunista.

Per un po ', Eltsin divenne un paria politico. Ma nel 1989 ha fatto una rimonta politica vincendo con un margine di voto del 90%, guadagnandosi un posto nel nuovo parlamento sovietico. Nel 1990, ha denunciato il Partito Comunista. Il suo impulso politico si è accumulato fino al 1991 quando ha criticato Gorbaciov, che stava perdendo il sostegno delle masse. Ha vinto le elezioni presidenziali di quell'anno per diventare presidente della Russia. Il 25 dicembre 1991, Gorbachev si dimise e, sei giorni dopo, l'Unione Sovietica fu sciolta. Il 31 dicembre 1999, Eltsin diede improvvisamente le dimissioni e consegnò il potere a Vladimir Putin, il suo successore scelto. Più tardi morì il 23 aprile 2007.

Vladimir Putin: 2000-2008, 2012-Present

Vladimir Vladimirovich Putin, attuale presidente della Russia, nacque a Leningrado, oggi chiamato San Pietroburgo, in Russia, il 7 ottobre 1952. Maria Ivanovna, un operaio di fabbrica, e Vladimir Spiridonovich Putin, un militare di prima guerra mondiale, furono i suoi i genitori. Putin è cresciuto in un appartamento comune e si è recato in una scuola di grammatica locale. Dopo il liceo, si iscrisse a studiare legge all'Università statale di Leningrado e dopo essersi laureato nel 1975, Putin iniziò la sua carriera nell'agenzia di spionaggio del KGB, come ufficiale dei servizi segreti.

Successivamente, Putin lavorò nel dipartimento amministrativo dell'Università di Leningrado e divenne consulente di Anatoly Sobchak, un politico liberale. Quando Sobchak divenne sindaco, Putin divenne il suo vice. Dopo la sconfitta del sindaco di Sobchak nel 1996, Putin si trasferì a Mosca. A Mosca, è stato nominato vice capo della direzione sotto l'amministrazione di Eltsin. Putin è stato quindi nominato a capo del servizio di sicurezza federale del KGB. Nell'agosto del 1999, Eltsin ha licenziato il suo premier Sergey Stepashin e il suo gabinetto e fatto il primo ministro Putin.

Dopo che Yeltsin si dimise nel dicembre 1999, nominò Putin come presidente in carica. Quando si sono svolte le elezioni nel marzo 2000, Putin ha vinto la presidenza del 53% dei voti e nel 2004 è stato rieletto. Nel 2008, a causa dei limiti di termini costituzionali, Putin non ha partecipato alle elezioni. Gli succedette il suo mentee Dmitrij Medvedev come presidente, e Putin assunse il ruolo di primo ministro, continuando la sua influenza sulla Russia. Il 4 marzo 2012, Putin è stato rieletto per servire un terzo mandato come presidente in mezzo alle accuse di frode elettorale dilagante.

Dmitry Medvedev: 2008-2012

Dmitry Medvedev è un politico russo che ha prestato servizio come presidente del paese dal 2008 al 2012 ed è attualmente il primo ministro. Medvedev è nato il 14 settembre 1965 a Leningrado. Nel 1990, Medvedev, simile a Putin, lavorò sotto il sindaco Anatoly Sobchak dopo aver completato il suo dottorato. Quando il mandato presidenziale di Putin si è concluso nel 2008, a causa dei limiti di durata, ha scelto Medvedev come suo successore. Ha vinto le elezioni ricevendo circa il 70 percento dei voti. Dopo che Medvedev divenne presidente, nominò Putin come primo ministro e prestò servizio come presidente della Russia fino al 2012. Nel 2012, Medvedev divenne il primo ministro russo, dopo che Putin assunse la presidenza.

Quando Medvedev divenne presidente della Russia nel 2008 e nominò Putin primo ministro, molti critici nel paese e stranieri lo consideravano un governo fantoccio di Putin. Ma dopo aver assunto la presidenza, Medvedev ha avuto migliori relazioni con l'Occidente su questioni così importanti come gli accordi di difesa nucleare. Nell'aprile del 2010 ha firmato un nuovo trattato sulle armi nucleari (START), volto a ridurre le testate nucleari in ogni paese fino al 1550. Nel 2008, ha riconosciuto l'indipendenza di due regioni separatiste della Georgia, dell'Ossezia del Sud e dell'Abkhazia. Come presidente, la Russia ha aderito all'Organizzazione mondiale del commercio. Mentre le sue politiche sembravano liberali, molti critici occidentali le consideravano come una vuota retorica che non era in grado di implementarle, a causa della mano forte di Putin.

Presidenti della Russia dopo la caduta dell'Unione Sovietica

RangoPresidente della Federazione RussaDurata (i) in ufficio
1Boris Yeltsin10 luglio 1991 al 31 dicembre 1999
2Vladimir Putin7 maggio 2000 al 7 maggio 2008; 7 maggio 2012 a presentare
3Dmitry MedvedevDal 7 maggio 2008 al 7 maggio 2012

Raccomandato

Le città sacre dell'induismo
2019
Qual è la fonte del fiume Reno?
2019
Cos'è un clima tropicale?
2019