Premi di massimo rischio su prestiti per paese

Il tasso di premio per il rischio azionario per un dato paese è calcolato sottraendo il tasso di rendimento del tesoro di tesoreria dal tasso di interesse. Funziona come un incentivo, aiutando i paesi ad attrarre investitori disposti a correre un rischio leggermente più elevato di investimento azionario. In generale, i premi di rischio sono inversamente proporzionali al prezzo per le attività rischiose. Quando i premi per il rischio aumentano, i prezzi delle attività rischiose diminuiscono e viceversa. Per gli investitori, le scelte di asset allocation e le decisioni di market timing si basano essenzialmente sulla previsione della direzione futura dei premi di rischio in vari mercati delle attività.

Durante la decisione del tasso di premio per il rischio azionario per i singoli paesi vengono presi in considerazione diversi fattori. Il primo è il rischio economico: quando l'economia di un paese è in flusso, il rischio azionario aumenterà. Lo stesso vale per la politica: se la politica fiscale o governativa è instabile, aumenta il rischio azionario. La volatilità del PIL porta anche a un aumento del rischio azionario. Le infrastrutture e le comunicazioni possono anche influenzare i premi per il rischio azionario di un paese: se le società non forniscono informazioni accurate o adeguate agli investitori, i premi per il rischio azionario aumenteranno. Infine, la guerra e le catastrofi ambientali possono avere effetti devastanti sull'economia di un paese. Nei paesi in cui la catastrofe si verifica spesso o è accaduta di recente, il rischio azionario aumenterà spesso.

Quelli che seguono sono i dieci paesi che attualmente hanno i più alti tassi di premio al rischio del mondo. Sebbene questi paesi abbiano una varietà di sfide e di storie economiche diverse, condividono tutti una caratteristica: un'economia in divenire. I premi per il rischio raramente rimangono stabili. Per gli investitori accorti, una previsione tempestiva e accurata dei futuri miglioramenti nell'economia di un paese in via di sviluppo potrebbe portare a un significativo ritorno sugli investimenti.

Madagascar (51%)

Il Madagascar è in cima alla lista, con uno sbalorditivo tasso di rischio del 51% sui prestiti nel 2015. Questa cifra è dovuta in gran parte alla sua economia in difficoltà, con vari fattori politici che causano instabilità nell'industria, nei servizi e nel turismo. La corruzione governativa ha ostacolato gli sforzi per rafforzare e migliorare l'economia di mercato. L'infrastruttura è sottosviluppata: strade, ferrovie e porti marittimi sono tutti inadeguati. Più del settanta percento della popolazione vive in povertà, guadagnando meno di $ 50 all'anno. L'economia del Madagascar si basa principalmente sull'agricoltura e il paese è soggetto a inondazioni, siccità e altri disastri naturali.

Brasile (29, 8%)

Sebbene il Brasile sia uno dei maggiori produttori ed esportatori agricoli del mondo, la corruzione e la cattiva gestione sono da tempo un ostacolo alla stabilità economica. La sua storia è stata caratterizzata da estremi: l'eccessiva assunzione di prestiti, la spesa eccessiva e il fatto di basarsi troppo sul mercato petrolifero altamente volatile ha provocato numerose recessioni devastanti. Petrobras, compagnia energetica pubblica del Brasile, è stata recentemente coinvolta in uno scandalo di corruzione che ha causato una perdita del PIL di oltre $ 30 miliardi.

Sierra Leone (16, 7%)

La Sierra Leone è uno dei paesi più poveri del mondo. Il suo governo dipende fortemente dagli aiuti stranieri e la maggior parte dei cittadini si basa sull'agricoltura di sussistenza. La guerra civile ha devastato il paese per più di venti anni. La corruzione a tutti i livelli di governo rimane un problema significativo. Tuttavia, i recenti sforzi per riformare e migliorare l'industria dei diamanti (un'importante fonte di entrate per il paese, pari a oltre il 60% delle esportazioni totali) hanno notevolmente migliorato il potenziale economico futuro della Sierra Leone.

Ruanda (13, 3%)

Guerra civile, genocidio e continue tensioni e disordini continuano a influenzare l'economia in via di sviluppo del Ruanda. Nonostante i significativi aumenti del turismo e delle esportazioni di caffè e tè, il livello di povertà rimane elevato. Più dell'80% dei ruandesi fa affidamento sull'agricoltura di sussistenza, occasionalmente integrata da colture in contanti. Il governo esercita il controllo sui prezzi attraverso i sussidi per l'energia e l'agricoltura, e la corruzione e l'innesto ostacolano la crescita economica e le riforme.

Guyana (11%)

La corruzione generalizzata del governo e la debole applicazione della legge sono state sfide di lunga data per la Guyana. La criminalità organizzata, la droga e il traffico di esseri umani sono dilaganti e i crimini violenti sono un grave problema. Le restrizioni legali sui nuovi investimenti e la mancanza di finanziamenti accessibili a lungo termine ostacolano lo sviluppo economico e la crescita dell'occupazione. Il sistema bancario è arcaico e inefficiente e il quadro normativo finanziario ha un disperato bisogno di riforme.

Kirghizistan (10, 8%)

La Repubblica del Kirghizistan deve ancora liberarsi dal regime sovietico, con i resti dell'ex sistema comunista ancora in vigore in tutto il paese. La diffusa povertà, le deboli forze dell'ordine, i disordini politici e la violenza, così come il crimine organizzato, la corruzione e il terrorismo, hanno impedito al paese di transitare pacificamente verso un'economia di libero mercato. Il debito estero è estremamente alto e sia il settore pubblico che quello privato dipendono fortemente dagli aiuti esteri.

Giamaica (10, 4%)

Sebbene la Giamaica sia un paese a reddito medio-alto, è stata per lungo tempo tormentata da una bassa crescita, un alto debito pubblico e una serie di disastri naturali che includono frequenti attività di uragano. Dagli anni '90, il PIL reale pro capite è aumentato solo in media dell'1% all'anno, molto indietro rispetto alla crescita della maggior parte dei paesi in via di sviluppo.

Belize (10, 2%)

L'economia del Belize è fortemente dipendente dalle esportazioni e dalle importazioni. Grazie alla sua posizione nella cintura degli uragani, le infrastrutture e i raccolti sono regolarmente danneggiati da disastri naturali come uragani, tempeste tropicali e inondazioni. Il paese deve ancora sviluppare un piano per la crescita economica a lungo termine; tuttavia, un aumento del turismo e la scoperta del petrolio nel 2005 potrebbero aver portato il Belize su un percorso verso significativi guadagni economici.

Isole Salomone (10%)

Le Isole Salomone consistono in mezzo milione di persone sparse su 90 isole abitate in una remota area del Pacifico meridionale. È il paese più povero del Pacifico in termini di RNL pro capite. Le risorse naturali e le opzioni economiche sono limitate e i mercati principali sono proibitamente lontani. Anche il cambiamento climatico e le calamità naturali hanno continuato a influenzare la crescita e la stabilità economica.

Angola (9, 7%)

Distrutto da una guerra civile che va dal 1975 al 2002, il progresso economico dell'Angola sta lentamente migliorando. Sono ancora necessarie molte riforme, compresa la diversificazione delle esportazioni (attualmente l'Angola dipende in larga misura dall'industria petrolifera), il miglioramento delle infrastrutture e la lotta alla povertà diffusa.

Premi di massimo rischio su prestiti per paese

RangoNazioneTasso di rischio premium sui prestiti nel 2015
1Madagascar51, 0%
2Brasile29, 8%
3Sierra Leone16, 7%
4Ruanda13, 3%
5Guyana11, 0%
6Kyrgyzstan10, 8%
7Giamaica10, 4%
8Belize10, 2%
9Isole Salomone10, 0%
10angola9, 7%

Raccomandato

Siti del patrimonio mondiale dell'Unesco in Ucraina
2019
In quale stato si trova Washington, DC In?
2019
Cosa significano i colori e i simboli della bandiera della Corea del Sud?
2019