Paesi con la peggiore infrastruttura di approvvigionamento idrico

Cos'è l'accesso all'acqua?

Uno degli Obiettivi di sviluppo del Millennio delle Nazioni Unite era ridurre il numero di persone senza accesso all'acqua potabile sostenibile e ai servizi igienico-sanitari di base del 50%. L'accesso è definito dalla distanza e dalla quantità di acqua disponibile. Se la fonte d'acqua è a meno di 0, 6 miglia di distanza e fornisce costantemente almeno 20 litri di acqua a persona nella famiglia, si considera che la famiglia abbia accesso all'acqua. L'acqua potabile sicura è priva di sostanze chimiche e microbi che causano malattie e si ottiene attraverso una connessione domestica, un rubinetto di comunità, un pozzo protetto o primaverile e una raccolta di acqua piovana.

Mancanza di accesso all'acqua

Circa 1, 1 miliardi di persone non hanno accesso all'acqua potabile sicura in tutto il mondo, altri 663 milioni non possono accedere a fonti d'acqua migliorate. Queste persone si trovano in modo schiacciante in tutta l'Africa subsahariana, sebbene ci siano un'isola del Pacifico e una nazione del Medio Oriente nell'elenco dei paesi con le peggiori infrastrutture idriche. La Papua Nuova Guinea è in cima alla lista, solo il 40% della popolazione ha accesso a una fonte d'acqua migliorata. I prossimi sei paesi sono in Africa: Guinea Equatoriale (48%), Angola (49%), Ciad (51%), Mozambico (51%), Madagascar (52%) e Repubblica Democratica del Congo (52%). Il prossimo è l'Afghanistan, con solo il 55% della popolazione che ha accesso a fonti d'acqua migliorate. Seguono la Tanzania (56%) e l'Etiopia (57%).

Conseguenze di poca o nessun accesso all'acqua

Le conseguenze del mancato accesso ad acqua pulita e sicura, migliori fonti d'acqua e migliori servizi igienico-sanitari sono sbalorditivi. Colpisce l'istruzione, la salute, la fame, la povertà e l'economia. I bambini sembrano sopportare il peso dell'accesso inadeguato all'acqua. Delle 1, 6 milioni di persone che muoiono ogni anno a causa di malattie diarroiche prevenibili (come il colera), il 90% ha meno di cinque anni. Altre 1, 5 milioni di persone vengono diagnosticate ogni anno con Epatite A. Questa cifra è dovuta a acqua non pulita. Nei paesi precedentemente elencati, circa l'80% delle malattie è attribuito a condizioni idriche e igieniche inadeguate.

Quando i bambini combattono per la propria vita a causa di malattie e malnutrizione (dai parassiti nell'acqua), non sono in grado di frequentare la scuola. In effetti, un totale di 443 milioni di giorni scolastici registrati viene perso ogni anno a causa di malattie legate all'acqua. Questo problema è amplificato per le ragazze. Le ragazze sono più spesso responsabili della raccolta di acqua rispetto ai ragazzi, e quando la fonte d'acqua è lontana, perdono la scuola per assicurarsi che la famiglia abbia acqua.

Adulti e bambini costretti a trascorrere il loro tempo a raccogliere acqua non possono contribuire all'economia partecipando alla forza lavoro. O non ottengono un'istruzione che permetta loro di andare avanti e contribuire al settore formale dell'occupazione, oppure sono consumati da pensieri di raccolta dell'acqua. Secondo le stime dell'ONU, i paesi africani da soli perdono 40 miliardi di ore all'anno negli sforzi per ottenere acqua per uso domestico.

Cosa viene fatto?

Molte organizzazioni non profit, organizzazioni non governative e agenzie governative stanno lavorando insieme per eliminare questo problema in tutto il mondo, anche nei paesi sopra menzionati. L'Organizzazione Mondiale della Sanità delle Nazioni Unite (OMS) e il Fondo di emergenza per l'infanzia delle Nazioni Unite (UNICEF) hanno unito le forze tramite il Programma di monitoraggio congiunto per l'approvvigionamento idrico e l'igiene, utilizzato per misurare i progressi rispetto agli obiettivi di sviluppo. L'OMS investe anche nella ricerca per illustrare il rapporto costo-efficacia che i governi investono nel fornire o migliorare le condizioni idriche e igienico-sanitarie. Lavorano anche con altre organizzazioni non profit, strutture di ricerca e governi per sostenere gli sforzi di accesso e trattamento dell'acqua. L'UNICEF gestisce squadre di acqua, servizi igienici e igiene (WASH) al fine di promuovere l'accesso all'acqua pulita, servizi igienici migliori e pratiche igieniche.

Speranza per il futuro

Nonostante tutti i numeri negativi e le conseguenze, c'è speranza. Il Millennial Goal è stato raggiunto tre anni prima del previsto. Con una scadenza del 2015, la popolazione di persone senza accesso all'acqua e strutture sanitarie migliorate è stata dimezzata entro il 2012. Ciò significa che i governi e le organizzazioni di tutto il mondo hanno utilizzato gli indicatori dell'obiettivo del Millennio come strumento per migliorare le condizioni di vita dei cittadini. Il fatto che l'obiettivo sia stato raggiunto in anticipo indica che garantire l'accesso all'acqua è importante per i governi ed è stato preso sul serio. I paesi elencati in questo articolo rappresentano una parte dell'11% stimato della popolazione globale che è ancora senza accesso all'acqua.

Paesi con la peggiore infrastruttura di approvvigionamento idrico

RangoNazione% della popolazione con accesso a fonti d'acqua migliorate
1Papua Nuova Guinea40%
2Guinea Equatoriale48%
3angola49%
4Chad51%
5Mozambico51%
6Madagascar52%
7Repubblica Democratica del Congo52%
8afghanistan55%
9Tanzania56%
10Etiopia57%

Raccomandato

Le città sacre dell'induismo
2019
Qual è la fonte del fiume Reno?
2019
Cos'è un clima tropicale?
2019