Paesi che importano la maggior parte del cibo rispetto alle importazioni di merci

Sicurezza del cibo

Il cibo è una delle necessità di base per la vita, in particolare quelle come grano, riso e mais. Alcuni paesi hanno la fortuna di essere in grado di produrre quantità sufficienti di agricoltura in modo da sfamare le loro popolazioni ed esportare l'eccesso. Tuttavia, le altre nazioni non sono in grado di produrre abbastanza cibo per soddisfare i loro bisogni. Questa mancanza di produzione di cibo avviene per molte ragioni, tra cui la mancanza di tecnologia agricola, un clima non favorevole alla crescita delle colture o una popolazione grande o in crescita. Quando il cibo non può essere prodotto a livello nazionale, il governo deve importare. I governi che importano grandi percentuali di cibo rispetto alle importazioni totali mettono i loro residenti a rischio di insicurezza alimentare. Ciò è particolarmente vero quando si basano su uno o due fornitori. La sicurezza alimentare è quando tutte le persone di una regione hanno cibo a sufficienza per sostenere una vita sana.

Potere alimentare

Quando un paese è responsabile della maggior parte dell'offerta globale per un raccolto, o quando un'importante importatore di cibo si affida a pochi fornitori, cosa succede quando quel paese smette di produrre? La produzione potrebbe essere bloccata dalla siccità, cambiando le temperature o persino la guerra. Il cibo stesso può persino essere usato come un'arma quando il paese fornitore trattiene le merci dagli importatori per costringere il comportamento. Questo atto è indicato come potere alimentare. Quando un bene alimentare diventa improvvisamente non disponibile per qualsiasi ragione, il suo costo aumenta. I paesi che dipendono dalle importazioni alimentari, in gran parte paesi in via di sviluppo, non possono quindi permettersi le importazioni. Una situazione come questa può essere pericolosa per la salute della popolazione. Di seguito è riportato uno sguardo ai paesi con la più alta percentuale di cibo come parte delle sue importazioni totali.

Paesi con importazioni alimentari ad alta relativa

Di tutte le importazioni verso Capo Verde, il 32% è costituito da prodotti alimentari. Il paese importa il 63% del suo latte concentrato dal Belgio-Lussemburgo, il 34% del suo pollame dai Paesi Bassi e il 61% del suo riso dalla Thailandia.

Anche Antigua e Barbuda sono relativamente dipendenti dalle importazioni alimentari e rappresentano il 27% delle importazioni totali del paese. Questa nazione insulare è un importatore relativamente piccolo su scala globale, il valore delle sue importazioni totali raggiunge $ 735 milioni. La maggior parte della spesa alimentare è a base di derrate alimentari, in particolare acqua aromatizzata dagli Stati Uniti, ma ha anche un'importante importazione di prodotti agricoli e animali. Importa il 70% del suo pollame dagli Stati Uniti e il 72% della sua farina di frumento da Saint Vincent e Grenadine.

La terza più grande percentuale di importazioni di cibo si trova a Mauritius. Delle importazioni totali di questo paese, il 22% è cibo. Mauritius è un grande importatore di pesce congelato che rappresenta il 4, 8% del suo totale prodotto animale e le importazioni di sottoprodotti. Quasi la metà, il 45% di questo proviene dalla Spagna. Inoltre, il paese importa grandi quantità di riso, di cui l'84% proviene dall'India.

Altri paesi con una dipendenza significativa dalle importazioni alimentari possono essere visti nella tabella allegata di seguito.

Quali fattori aumentano la vulnerabilità all'insicurezza alimentare?

Come accennato in precedenza, i paesi che dipendono da grandi quantità di importazioni alimentari per soddisfare le esigenze delle rispettive popolazioni sono spesso lasciati in posizioni vulnerabili. Man mano che le loro popolazioni continuano a crescere, anche il loro fabbisogno per le importazioni di tali beni essenziali. Sono un disastro naturale lontano da un balzo dei prezzi che potrebbe lasciarli in una crisi alimentare, in particolare quando la stragrande maggioranza di una merce proviene da un solo fornitore. I governi in questa situazione sarebbero saggi di investire nell'agricoltura nazionale al fine di rafforzare le infrastrutture e promuovere una maggiore produzione di cibo. Dovrebbero lavorare per conservare terreni coltivabili e risorse di acqua dolce per evitare la crisi alimentare.

Paesi con la maggior parte delle importazioni alimentari relative a tutte le importazioni di merci

RangoNazioneImportazioni alimentari relative a tutte le importazioni di merci
1capo Verde32%
2Antigua e Barbuda27%
3Mauritius22%
4Barbados21%
5Bermuda21%
6Cipro20%
7Armenia20%
8Nepal18%
9Bosnia Erzegovina18%
10El Salvador17%

Raccomandato

Le città sacre dell'induismo
2019
Qual è la fonte del fiume Reno?
2019
Cos'è un clima tropicale?
2019