Il peggior calo delle esportazioni per importare rapporti dal 2000 per paese

Importanza delle esportazioni nell'economia

Le esportazioni sono una componente vitale della gestione e dello sviluppo di qualsiasi economia sana. Quando le esportazioni crescono, anche le opportunità di lavoro sono all'altezza delle richieste del mercato internazionale. Se il valore delle esportazioni supera il valore delle importazioni, i deficit dei conti vengono bilanciati e viene lasciato un surplus. Un paese aumenta il proprio livello di esportazioni diventando più competitivo rispetto ai costi, migliorando la qualità dei prodotti, riducendo le tariffe e investendo e promuovendo lo sviluppo del settore privato. Questi passaggi sono spesso difficili per i governi, in particolare per le economie in via di sviluppo.

Bilancia commerciale

Oltre alle esportazioni, le importazioni sono anche una parte importante del mantenimento di un'economia. I governi devono fare tutto il possibile per garantire un equilibrio tra importazioni ed esportazioni, noto come bilancia commerciale. Questo può essere calcolato identificando la differenza di valore delle importazioni rispetto alle esportazioni. Quando un paese esporta più di quanto importa, questo è chiamato surplus commerciale ed è esattamente ciò che i governi dovrebbero cercare di ottenere. Se accade il contrario, le importazioni superano le esportazioni, questa situazione è definita deficit commerciale o gap commerciale ed è esattamente ciò che i governi dovrebbero cercare di evitare. Sfortunatamente per molti paesi, il loro rapporto tra esportazioni e importazioni è in calo dall'inizio del 2000. Di seguito è riportato uno sguardo a quelle nazioni.

Paesi con peggiori cali nell'Esportazione verso i rapporti di importazione

Gibilterra, territorio britannico e membro dell'Unione europea, ha registrato un calo del 50, 4% nelle sue esportazioni in rapporto all'importazione rispetto a quelle del 2000. Nel 2014, ad esempio, il valore delle esportazioni del paese era di soli $ 1, 03 miliardi mentre le sue importazioni ha raggiunto $ 13, 3 miliardi creando un deficit commerciale di $ 12, 2 miliardi. Tre quarti delle esportazioni di questo paese consistono in petrolio raffinato e il principale importatore di questo bene è la Spagna (85%). È interessante notare che l'89% delle importazioni comprende anche petrolio raffinato, di cui la maggior parte proviene da Belgio-Lussemburgo, Spagna e Italia. Perché un Paese dovrebbe importare ed esportare lo stesso prodotto? Molte teorie tentano di spiegarlo, ma una ragione potrebbe essere dovuta alla qualità. La qualità che lascia il paese potrebbe essere di valore superiore. L'economia è sostenuta, tuttavia, da una fiorente industria del gioco online, dai servizi finanziari e dal turismo.

L'Honduras, un paese situato nell'America centrale, ha visto un calo delle sue esportazioni in rapporto all'importazione al 50, 8% di quelle del 2000, leggermente migliore rispetto a Gibilterra. Nel 2014, il suo valore di esportazione è stato di $ 8, 66 miliardi e le sue importazioni hanno totalizzato $ 9, 7 miliardi creando un deficit commerciale di $ 1, 08 miliardi. Questo paese esporta principalmente indumenti per l'abbigliamento che vanno dalle magliette a maglia ai maglioni, agli indumenti intimi alle calze. Questo spiega una delle sue più grandi importazioni, il filo di cotone proveniente dagli Stati Uniti. Gli Stati Uniti sono anche il principale importatore grazie all'Accordo centroamericano di libero scambio (CAFTA). Il mercato qui è sfortunatamente vulnerabile alle variazioni dei prezzi delle materie prime sulle importazioni. Inoltre, il governo ha incrementato gli investimenti nell'industria della maquiladora che ha creato una domanda per macchinari e attrezzature importati. Questi beni sono costosi e hanno contribuito al calo delle esportazioni anche rispetto ai rapporti di importazione.

Continuando la lista, la Corea del Sud è prossima con un calo delle sue esportazioni in rapporto all'importazione al 52, 7% rispetto ai livelli del 2000. Sebbene il suo rapporto sia diminuito negli ultimi 16 anni circa, nel 2014, la Corea del Sud ha effettivamente registrato un surplus commerciale di $ 75 miliardi. Le principali esportazioni da questo paese sono macchine come telefoni, accessori di trasmissione e circuiti integrati. Le principali importazioni comprendono petrolio grezzo, gas di petrolio e petrolio raffinato. Il calo del rapporto può essere attribuito a una rapida crescita delle importazioni, poco più del 10% all'anno per l'ultimo decennio. Le esportazioni sono aumentate a un ritmo più lento e quindi hanno eliminato il bilancio.

Di seguito è riportato un elenco di altri paesi in cui si registrano flessioni nell'esportazione in rapporto all'importazione.

Il peggior calo delle esportazioni per importare rapporti dal 2000 per paese

RangoNazioneRapporto Export-to-Import relativo all'anno 2000
1Gibilterra50, 4%
2Honduras50, 8%
3Corea del Sud52, 7%
4Isole Vergini Britanniche55, 9%
5Sierra Leone56, 3%
6Antigua e Barbuda57, 0%
7Giappone58, 4%
8Pakistan58, 8%
9Bangladesh59, 3%
10Isole Cayman61, 6%

Raccomandato

Le città sacre dell'induismo
2019
Qual è la fonte del fiume Reno?
2019
Cos'è un clima tropicale?
2019