I migliori paesi per avviare un'impresa in

Secondo le classifiche della Banca Mondiale, i paesi più facili per condurre affari non sono sempre i giganti globali come il Brasile, la Cina o persino l'India. In effetti, nessuno di questi tre fa addirittura il top 10. Il report classifica i paesi sulla base di 10 indicatori chiave che favoriscono un efficace rapporto commerciale. I criteri principali comprendono la facilità di iniziare un'impresa, la facilità di ottenere permessi di costruzione, l'accesso alle utenze elettriche, la facilità di registrazione delle proprietà, la disponibilità di credito, la protezione per gli investitori di minoranza, le aliquote fiscali e i metodi di riscossione, la capacità di scambio commerciale transfrontaliera e facilità di far rispettare i contratti e dichiarare l'insolvenza. La regolamentazione del mercato del lavoro è anche considerata nella compilazione di queste classifiche. Il punteggio più alto (valore numerico più basso) significa che gli indicatori sopra riportati favoriscono le operazioni aziendali. Di seguito è riportato un elenco di 10 paesi in cui è più facile fare affari e una breve spiegazione del motivo per cui il Business Report Report 2018 della Banca Mondiale li ha classificati ai vertici della classifica.

10. Svezia

Elevati standard di vita in combinazione con una delle forze lavoro più qualificate del mondo sono tra i molti fattori che rendono la Svezia un paese eccellente in cui condurre il commercio. Le sue forti infrastrutture e i programmi sociali ben sviluppati sono anche forti incentivi.

9. Georgia

La nazione eurasiatica della Georgia è uno dei posti migliori al mondo per avviare un'impresa. Per anni, il paese a medio reddito ha beneficiato di un'economia emergente. Una delle ragioni alla base di questo è che ci vogliono solo due giorni per registrare una nuova attività in Georgia, e costa solo circa l'equivalente di $ 40 dollari USA.

8. Norvegia

La Norvegia è riuscita a combinare con successo un forte settore tecnologico e una forza lavoro energica con una forte rete di sicurezza di programmi sociali per i suoi cittadini, il che rende una forza da non sottovalutare nell'arena globale delle imprese. Inoltre, la Norvegia dispone di uno dei sistemi più efficienti al mondo per gestire i depositi di insolvenza. La procedura di avvio dell'attività in Norvegia richiede in genere solo quattro giorni e il costo relativo per avviare un'impresa è piuttosto basso (solo lo 0, 90% del reddito annuo pro-capite).

7. Regno Unito

Il Regno Unito è al settimo posto nella facilità di avviare un'impresa, dall'ottavo posto nelle classifiche precedenti. Secondo il rapporto della Banca mondiale, i bassi costi associati alla creazione di un'impresa, uniti a un aumento dell'ottimismo imprenditoriale, hanno contribuito all'alto posizionamento. Secondo il rapporto, l'88% dei cittadini britannici ritiene che lavorare duramente possa portarti al di sopra della vita, rispetto all'84% dello scorso anno e al 78% nell'anno 2010. Il costo di avviamento per le imprese nel Regno Unito è di £ 81 ($ 121, 50 US ), che è nella fascia bassa rispetto alle norme globali.

6. Stati Uniti

Sebbene le aliquote dell'imposta sulle società statunitensi siano relativamente scoscese, il paese è in grado di compensare con alcuni dei costi più bassi legati alle attività operative. Ciò significa costi inferiori per forniture, uffici e logistica, solo per citarne alcuni. Nonostante si collochi al settimo posto tra i "Migliori luoghi del mondo per avviare un'impresa", è in ritardo rispetto ad altri paesi sviluppati quando si tratta di avere un ambiente imprenditoriale interessante, e sembra che perderlo detenga di per sé tassi sempre più alti.

5. Hong Kong

Il rapporto mostra che, sebbene l'avvio di un'impresa stia diventando più difficile a Hong Kong a causa dell'aumento delle tasse di registrazione, vi è una grande protezione per gli investitori di minoranza. In parte è per questo che Hong Kong si è classificata al quinto posto in termini di facilità di avvio di un'impresa. Hong Kong ha anche ricevuto un alto rango grazie alla semplicità di ottenere permessi di costruzione e condurre gli scambi oltre confine.

4. Corea

La Repubblica di Corea è classificata come la quarta migliore posizione per avviare un'impresa. La Corea del Sud si è posizionata ai vertici a causa dei buoni risultati quando si tratta di ottenere energia elettrica, effettuare scambi transfrontalieri e far rispettare i contratti. Tutto questo senza nemmeno menzionare la super veloce connessione internet della Corea del Sud, la più veloce del mondo. Questa velocità è qualcosa che il governo ha abilmente usato per promuovere la Corea del Sud come luogo attraente per le start-up. Il governo ha pubblicizzato questo fatto nelle loro iniziative iniziate nel 2012 per attirare gli imprenditori nel paese.

3. Danimarca

Il rapporto sulla gestione della Banca Mondiale ha sottolineato che l'efficace processo di digitalizzazione della Danimarca è uno dei fattori principali che contribuiscono al suo terzo posto. Il processo di digitalizzazione consente la registrazione rapida e semplice di nuove imprese, l'acquisizione di una firma "NemID" e la registrazione dell'assicurazione dei dipendenti. Queste procedure possono essere eseguite in un solo giorno e la tariffa per l'avvio di una società può costare solo 670 Kroner ($ 98 USD). Fare trading oltre confine in Danimarca è facile, poiché ha una "frontiera libera" e la conformità documentaria alle esportazioni e alle importazioni. Secondo lo stesso rapporto, il governo danese è il primo nel mettere in atto regolamenti che facilitino l'interazione del mercato senza ostacolare il settore privato.

2. Singapore

Il rapporto indicava che Singapore continua ad essere l'economia con l'ambiente più favorevole alle imprese e più sicuro. Ad esempio, risolvere le controversie commerciali nel sistema giudiziario di Singapore richiede in media circa 150 giorni, che è il più breve tempo in tutto il mondo. Il costo dello stesso è pari al 26% del valore del credito, che è significativamente basso rispetto al paese asiatico di Myanmar, classificato 167 su 189 economie, dove ci vogliono tre anni per risolvere una controversia e le spese superano il 50% del valore contestato. Negli Stati Uniti, ci vogliono 420 giorni per risolvere una tale controversia, e il costo è superiore al 31% del credito come indicato dallo stesso rapporto.

1. Nuova Zelanda

In Nuova Zelanda, avviare un'attività richiede solo poche ore di tempo da imprenditore, grazie a una semplice procedura online. Negli ultimi decenni, la Nuova Zelanda è stata trasformata da un'economia agraria, in gran parte dipendente dal mercato britannico, in un leader mondiale tra le economie industrializzate e di libero mercato. Da quando il paese è uscito da una recessione nel 2009, da allora ha raggiunto un tasso di crescita annuale del 2-3%. Il rapporto della Banca Mondiale indica che la Nuova Zelanda è il miglior paese quando si tratta di proteggere gli investitori delle minoranze, nonché il migliore per avviare un'impresa. I suoi accordi di libero scambio, i regolamenti pro-concorrenza, i codici fiscali efficienti e un sistema politico aperto contribuiscono al suo alto posizionamento.

Raccomandato

Chi sono i Kunama People?
2019
Le quattro isole maggiori delle isole Baleari
2019
Quali lingue sono parlate in Turchia
2019