Economie più dipendenti dalle esportazioni per lo sviluppo delle ex nazioni del blocco orientale

Ognuno dei primi dieci paesi maggiormente dipendenti dall'export verso l'ex blocco orientale proviene dalla stessa regione generale. Tutti importano più di quanto esportino, e alcuni, come il Kirghizistan e il Tagikistan, dipendono anche dalle rimesse degli espatriati per ricavarne introiti.

Kyrgyzstan

L'occupazione principale in Kirghizistan è l'agricoltura. Contribuisce a un terzo del PIL e dell'occupazione del paese. Il paese ha molte risorse minerarie, le cui esportazioni sono un'importante fonte di reddito. Il Kirghizistan ha esportato beni per un valore di 1, 09 miliardi di dollari, ma ha importato petrolio, tessuti e automobili per un valore di 9, 3 miliardi di dollari. Le sue esportazioni principali sono oro, uranio, rame e altri metalli preziosi come argento, platino e rodio. I legumi secchi sono una delle principali esportazioni agricole. Le esportazioni vanno principalmente in Svizzera, Kazakistan, Russia, Turchia e Cina. Le sue esportazioni verso i paesi in via di sviluppo costituiscono il 67, 2% del suo commercio. I metalli preziosi vengono esportati in paesi ricchi e in via di sviluppo, Australia, Russia, Bolivia, Guatemala, Messico, Cina, Corea del Sud, Germania, Giappone e Stati Uniti. Il paese è tormentato dalla corruzione, dall'instabilità regionale e dai bassi investimenti nella sua economia.

Georgia

La Georgia è strategicamente situata tra l'Asia occidentale e l'Europa orientale e ha accesso alle rotte commerciali marittime e terrestri. Il libero mercato, l'economia stabile e le politiche amichevoli agli investitori rendono facile il commercio con questo paese. Ha esportato nel 2014 $ 3, 58 miliardi di auto, petrolio raffinato, leghe ferrose, minerali di rame, gas, medicinali, apparecchiature di trasmissione e vino. Esporta principalmente in Azerbaigian, Stati Uniti, Russia, Bulgaria e Armenia, e il commercio al Il blocco orientale e i paesi in via di sviluppo costituiscono il 56% del suo commercio.

Montenegro

Questo stato balcanico ha un'economia di transizione basata principalmente sui servizi, e si sta ancora riprendendo dalla guerra e dalle sanzioni economiche delle Nazioni Unite. Le esportazioni sono per lo più nei paesi limitrofi Serbia, Croazia e Slovenia, che rappresentano rispettivamente il 22, 7%, il 22, 7% e il 7, 8% delle esportazioni, e le esportazioni verso il vecchio blocco orientale ei paesi in via di sviluppo costituiscono il 51, 5% dei suoi commercio. Gli altri paesi in cui esporta, sono l'Italia un altro vicino, la Grecia e la Bosnia-Erzegovina. Le principali esportazioni sono alluminio, petrolio raffinato, automobili, imbarcazioni da diporto e prodotti agricoli come legumi secchi.

Tajikistan

Il Tagikistan è anche un'economia di transizione, e il cui prodotto interno lordo (PIL) è cresciuto ad un tasso annuo del 9, 6% tra il 2000 e il 2007. Ciò è stato bloccato dagli effetti della recessione del 2008. I settori principali della sua economia sono i servizi (53, 9%), l'agricoltura (23, 3%) e l'industria (22, 8%). Le sue principali esportazioni sono alluminio, oro, minerali di zinco, piombo, cotone, tessuti, frutta, olio vegetale ed elettricità. Esporta in Turchia, Kazakistan, Svizzera, Iran, Afghanistan, Russia, Cina e Italia, ed esporta nel vecchio blocco orientale e i paesi in via di sviluppo costituiscono il 46, 8% del suo commercio.

Uzbekistan

L'Uzbekistan sta passando ad un'economia di mercato sin dalla sua indipendenza dall'Unione Sovietica, con i servizi (49, 5%), l'industria (32%) e l'agricoltura (18, 5%) i tre settori principali della sua economia. Questo è supportato da una forza lavoro che è istruita e ben istruita. A livello globale, l'Uzbekistan ha la più grande miniera d'oro aperta. Le sue esportazioni principali sono oro, gas di petrolio, automobili, rame, macchinari, fertilizzanti minerali, metalli ferrosi e non ferrosi, prodotti alimentari e cotone. Esporta principalmente in Svizzera (25, 8%), Cina (17, 6%), Kazakistan (14, 2%), Turchia (9, 9%), Russia (8, 4%) e Bangladesh (6, 9%), ed esporta nel vecchio blocco orientale e sviluppa i paesi costituiscono il 41, 1% del suo commercio.

Relazioni commerciali in Asia centrale e Europa orientale

Moldova, Serbia, Grecia, Croazia e Bulgaria esportano anche nel vecchio blocco orientale e nei paesi in via di sviluppo nelle vicinanze circostanti, e questo rappresenta il 39, 6%, il 30, 1%, il 27, 4%, il 23, 4% e il 23, 4% delle rispettive entrate del commercio estero . La Moldavia esporta cibo, tessuti e macchinari in Romania, Russia, Italia, Regno Unito, Bielorussia e Germania.

La Serbia esporta auto, macchinari, gas e medicinali in Italia, Germania, Bosnia ed Erzegovina, Russia e Romania. La Grecia esporta petrolio, medicinali, alluminio, pesce e verdure in Turchia, Italia, Germania, Bulgaria e Cipro. La Croazia esporta macchinari, prodotti tessili, chimici, alimentari e carburanti in Italia, Slovenia, Germania, Bosnia ed Erzegovina, Austria e Serbia. La Bulgaria esporta tessuti, ferro e acciaio, macchinari e combustibili in Germania, Italia, Turchia, Romania, Grecia e Francia.

I paesi in questa lista si scambiano sostanzialmente tra loro. Svizzera, Cina, Germania, Austria, Francia e Stati Uniti, almeno tra i paesi ricchi, sono i loro altri partner commerciali dominanti. Tuttavia, a volte l'Uzbekistan ha chiuso i propri confini per gli scambi con il vicino Kazakistan, il Kirghizistan e il Tagikistan per le dispute economiche e geopolitiche.

Economie più dipendenti dalle esportazioni verso i paesi in via di sviluppo dell'ex blocco orientale

RangoNazioneQuota delle esportazioni di merci destinate al reddito medio-basso e medio-orientale e alle economie europee
1Kyrgyzstan67, 2%
2Georgia56, 0%
3Montenegro51, 4%
4Tajikistan46, 8%
5Uzbekistan41, 1%
6Moldova39, 6%
7Serbia30, 1%
8Grecia27, 4%
9Bulgaria23, 4%
10Croazia23, 3%

Raccomandato

Animali delle montagne dell'Atlante
2019
Cosa significano i colori e i simboli della bandiera dell'ASEAN?
2019
Prima guerra mondiale: fatti e informazioni
2019