Scintoismo - Religioni giapponesi

Lo shintoismo, un'antica religione giapponese, è ancora praticato oggi ed è stato considerato la religione ufficiale di stato del Giappone. Radicato nell'animismo preistorico, la religione non ha fondatori, testi sacri ufficiali o dottrina formalizzata. Lo shintoismo consiste in pratiche rituali nei santuari pubblici dedicati a molte divinità, rituali pubblici come memoriali di guerra e feste del raccolto e culto degli antenati. Lo shintoismo è stato usato nel corso della storia nello sviluppo di attitudini, coscienze e tradizioni distintive giapponesi.

Storia e panoramica dei credenti

La storia registrata dello Shinto risale a una coppia di testi dell'VIII secolo, ma le prove archeologiche suggeriscono che la tradizione si estende molto più lontano. Come molti popoli preistorici, i primi giapponesi erano probabilmente animisti, dando caratteristiche spirituali a piante, animali e altri fenomeni naturali. Una tradizione orale di rituali e storie sviluppate organicamente, in quanto queste prime persone hanno iniziato a stabilire radici storiche e hanno faticato a dare un senso al loro posto nel mondo. Lo shintoismo divenne più formalmente stabilito in risposta alle maggiori interazioni tra il Giappone e l'Asia continentale: i clan giapponesi svilupparono un sistema formalizzato per differenziare le loro convinzioni da quelle degli estranei. A partire dal 6 ° secolo DC, lo Shintoismo ha iniziato ad assumere aspetti di altre religioni asiatiche: il buddismo, dalla Corea e il confucianesimo, dalla Cina.

Lo Shintoismo è fondato sull'adorazione e la credenza nel kami, che sono intesi come esseri sacri e divini, così come essenze spirituali. Questi esseri spirituali esistono in natura: all'interno di montagne, alberi, fiumi, fenomeni naturali e regioni geografiche. Si crede che Kami sia una forza creativa astratta e naturale, al contrario delle divinità onnipotenti della religione occidentale. Ci si aspetta che i seguaci vivano in armonia e pacifica convivenza con il mondo naturale e con gli altri esseri umani, permettendo che la religione sia praticata in tandem con altre credenze religiose.

Presenza globale e membri importanti

Sebbene quasi l'80% della popolazione giapponese pratichi lo Shintoismo, pochissime persone si identificano come "scintoiste" nelle indagini religiose. Ciò è dovuto alla onnipresenza e all'informalità della religione: la maggior parte dei giapponesi partecipa a "Folk Shinto", visitando i santuari shintoisti e partecipando ai rituali, senza appartenere a un gruppo religioso istituzionale. Ci sono circa 81.000 santuari e 85.000 preti shintoisti in Giappone. Alcuni sacerdoti stranieri sono stati ordinati negli ultimi due decenni, ma la pratica rimane prevalentemente giapponese.

Sviluppo e diffusione della fede

Tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo, lo Shintoismo fu fondato come religione di stato del Giappone e le feste e le cerimonie religiose scintoiste furono irrevocabilmente legate agli affari del governo. L'aristocrazia dominante usava lo shintoismo, il confucianesimo e il buddismo come mezzo per mantenere l'ordine in Giappone. La leggenda scintoista sosteneva che la famiglia imperiale giapponese discendesse in una linea ininterrotta dalla dea del sole Amaterasu.

L'imperatore e la corte eseguirono meticolosi riti e cerimonie religiose per assicurare che il kami proteggesse il Giappone e la sua gente. Queste cerimonie sono state incastonate nel calendario amministrativo del governo. Durante questo periodo, il governo giapponese ha sistematicamente utilizzato il culto dei santuari per incoraggiare la lealtà imperiale tra i suoi cittadini. Il governo istituì addirittura il "Dipartimento per gli affari delle divinità" per promuovere l'idea che la sopravvivenza del Giappone dipendesse dal fatto che i suoi cittadini mantenessero lo status quo con il sostegno indiscusso del governo e della famiglia imperiale.

Sfide e polemiche

I missionari arrivarono in Giappone durante il XVI secolo con l'intento di convertire il popolo giapponese dallo shintoismo e dal buddismo al cristianesimo. Questo fu visto come una minaccia politica, e il governo prese misure drastiche per impedire che il cristianesimo si diffondesse. Durante il 17 ° secolo, la politica del governo anti-cristiano richiedeva che tutti i giapponesi si registrassero in un tempio buddista e si impegnavano a praticare il buddismo, sebbene con forti influenze shintoiste. Durante il periodo nazionalistico, le tracce del buddhismo furono strappate dai santuari shintoisti e lo scintoismo fu ufficialmente dichiarato "non religioso". Questa dichiarazione è stata fatta per preservare la garanzia di libertà religiosa della costituzione giapponese, proprio come lo shintoismo è stato imposto al popolo come pratica culturale nazionalista. Dopo la seconda guerra mondiale, lo scintoismo fu abbandonato e l'imperatore perse il suo status divino durante la riforma alleata del Giappone.

Prospettive future

Sebbene non sia più la religione ufficiale di stato, lo Shintoo influenza ancora pesantemente la spiritualità e la vita quotidiana in Giappone. I sacerdoti shintoisti sono spesso chiamati a fare benedizioni durante l'inaugurazione di nuovi edifici o attività commerciali, e le auto prodotte in Giappone sono spesso benedette durante il processo di assemblaggio. Sebbene l'imperatore non sia più considerato una divinità, molte cerimonie imperiali sono ancora immerse nel rituale religioso e nel misticismo. E nonostante lo status non divino dell'Imperatore, un considerevole rituale religioso e il misticismo circondano ancora molte cerimonie imperiali. Lo Shintoismo continua a legare il popolo giapponese con il suo potente mix di devozione spirituale, lealtà familiare e orgoglio nazionale.

Raccomandato

Animali delle montagne dell'Atlante
2019
Cosa significano i colori e i simboli della bandiera dell'ASEAN?
2019
Prima guerra mondiale: fatti e informazioni
2019