Per salvare gli animali marini, evitare di mangiare questi pesci

Circa il 71% della superficie terrestre è coperta da acqua e il 97% di questa è acqua salata, come quella che si trova negli oceani e nei mari. Questi corpi d'acqua sono pieni di una grande porzione di vita sulla terra che include tutto, dalle piante ai mammiferi e pesci fino agli organismi minuscoli. Gli umani si affidano a questa vita marina per una serie di motivi, ma principalmente come fonte di cibo. Per questo motivo, la vita marina è in pericolo. La domanda mondiale di prodotti ittici ha portato a pratiche di pesca eccessiva, lasciando la pesca esaurita o quasi. Oltre l'85% della popolazione ittica mondiale è sovrasfruttata, esaurita o in via di recupero. Gli scienziati credono che in soli 30 anni, i frutti di mare potrebbero essere andati via. La pesca ha ridotto le specie commestibili di pesce del 29% in un tempo molto breve e tale cifra non tiene nemmeno conto degli innumerevoli altri animali marini che si perdono durante il processo (coralli, tartarughe, squali, uccelli marini e delfini). Nonostante il rischio per la vita marina, i frutti di mare continuano ad essere richiesti. Persino le specie minacciate, vulnerabili o in via di estinzione vengono ancora pescate e consumate. Questo articolo dà un'occhiata al motivo per cui alcune creature marine sono diventate a rischio.

Che cosa stanno facendo gli esseri umani è una specie marina minacciosa?

Dal momento che la pesca costiera è stata sfruttata eccessivamente e rapidamente esaurita, i pescherecci si sono spostati verso acque più profonde per cercare il pesce. Le richieste insostenibili continuano a diffondersi e alcuni pesci sono seriamente a rischio di estinzione. Di seguito è riportato un elenco della vita marina più vulnerabile. La ragione del loro stato di minaccia è dovuta a una serie di fattori. Una di queste cause è che l'industria della pesca cattura semplicemente qualsiasi specie abbia la maggiore domanda di mercato, comprese le specie vulnerabili, senza tener conto della capacità dell'animale di recuperare dalla perdita alla sua popolazione. La direzione sceglie di non seguire i consigli scientifici sui limiti di cattura e, invece, fissa le loro quote a livelli molto più alti e insostenibili. Questa pratica ha avuto un impatto estremamente negativo sul merluzzo bianco e sulle specie di tonno.

La pesca eccessiva

Quando la direzione sceglie di non seguire i limiti stabiliti dalla comunità scientifica, si verifica una pesca eccessiva. La sovrasfruttamento si verifica quando si pescano più pesci di quelli che possono essere sostituiti con la riproduzione naturale. Le conseguenze di ciò sono di vasta portata, non solo diminuiscono la biodiversità, ma riguardano anche le popolazioni che si affidano alla pesca di sussistenza per sopravvivere. Le specie di tonno sono colpite in modo sproporzionato da questa pratica, in particolare il tonno rosso dell'Atlantico che è ora in via di estinzione. La pesca eccessiva ha contribuito allo status di minaccia di ogni specie nell'elenco qui sotto.

Pesca e catture non selezionabili

Simile alla pesca eccessiva è l'uso di metodi di pesca non selettivi. La radice dietro queste due pratiche è nella ricerca della quantità. Nella pesca non selettiva, i pescatori utilizzano un tipo di approccio libero per tutti nel quale vengono catturati quanti più pesci possibili. I pesci indesiderati raccolti come catture accessorie vengono poi gettati in mare dopo essere morti o già morti. Questo tipo di pesca non tiene conto della sostenibilità e spesso uccide pesci immaturi, vietandoli dalla riproduzione e aumentando le dimensioni della popolazione.

Metodi di pesca distruttivi

Le pratiche di pesca distruttive sono un'altra causa della diminuzione della biodiversità marina. Negli anni '80, l'industria della pesca cominciò a utilizzare reti da traino a sciabola che consentono ai pescatori di spostarsi in regioni rocciose e in ecosistemi di barriera corallina precedentemente evitati. Questa macchina si trascina lungo il fondo dell'oceano muovendo rocce e distruggendo il corallo. La pesca a strascico può essere paragonata alla deforestazione in quanto rimuove il corallo, il riparo e le risorse alimentari per molte specie marine. La pesca con il cianuro è un'altra pratica distruttiva che consente ai pescatori di stordire i pesci senza ucciderli per soddisfare la domanda di pesci vivi in ​​molti ristoranti. Per ogni pesce vivo catturato, si perde 1 metro quadrato di corallo. La pesca con la dinamite è simile, sebbene uccida i pesci a contatto, e poi galleggiano in superficie, ei pescatori li raccolgono nelle reti. Più che il pesce desiderato vengono uccisi utilizzando questa tecnica. Un'altra pratica distruttiva indiretta si verifica quando gli attrezzi da pesca vengono persi in mare. Sebbene non siano più in uso, le reti, i ganci e le trappole continuano a catturare la vita marina come tartarughe, delfini, balene e una varietà di pesci. La pesca distruttiva colpisce tutte le specie della lista qui di seguito tranne il salmone, il marlin e l'anguilla.

Pesca pirata

Si verifica anche la pesca dei pirati. I pescatori pirata non rispettano le leggi sulla pesca e spesso pescano illegalmente o stabiliscono operazioni in zone prive di pesce. Le loro catture non vengono dichiarate e non regolamentate, il che rappresenta un grosso problema per i tentativi di sostenibilità. I pesci della lista più colpita da questo sono gli squali, i pattini, i raggi e il tonno.

Sii un consumatore coscienzioso

Puoi essere coinvolto nella lotta per conservare la vita marina. Il semplice atto di acquisto è proprio quello che spinge il settore della pesca a continuare con le sue pratiche. Quindi, scegli saggiamente. Acquistare frutti di mare catturati da piccole attività di pesca locali. Cercare alternative alla specie in questo elenco, scegliere il pesce catturato dalla linea ogni volta che è possibile per evitare le pratiche insostenibili di cui sopra. Acquista biologico a causa degli elevati standard ambientali richiesti per l'etichetta. Cerca di evitare i pesci allevati in allevamento perché servono 3 tonnellate di pesce catturato per produrre 1 tonnellata di pesce allevato in fattoria. Attenersi ai pesci erbivori come la tilapia, perché la loro perdita non influenza la catena alimentare tanto quanto la perdita delle specie di predatori. Soprattutto, ricorda che l'acquisto è potere.

Lista dei pesci sovrasfruttata

RangoSpecie di pesciStato elenco rosso
1Merluzzo biancoVulnerabile
2Ippoglosso neroIn via di estinzione
3Salmone atlanticoVulnerabile
4Anguilla europeaIn pericolo critico
5HaddockVulnerabile
6Marlin blu atlanticoVulnerabile
7Pesce persico aranciato o pesce persicoVulnerabile allo sfruttamento (UK Marine Conservation Society)
8squaliUn certo numero di specie di squali si trova nella categoria minacciata della Lista Rossa
9Pattini e raggiUn certo numero di specie di squali si trova nella categoria minacciata della Lista Rossa
10Gamberi tropicali / gamberiUn certo numero di specie di squali si trova nella categoria minacciata della Lista Rossa
11Tonno biancoVicino minacciato
12Tonno rosso del sudGravemente in pericolo
13Tonno obesoVulnerabile
14Tonno rosso del PacificoVulnerabile
15Tonno rosso dell'AtlanticoIn via di estinzione

Raccomandato

Che tipo di governo hanno gli Emirati Arabi Uniti?
2019
The Worst Decades for Crime
2019
La gente del Liechtenstein
2019