Quali sono le principali risorse naturali della Russia?

La Federazione Russa è il più grande paese al mondo. Il vasto territorio del paese lo rende la nazione più ricca in termini di ricchezza di risorse naturali. La nazione è un produttore leader di carbone, diamanti, alluminio, amianto, pietre preziose, diamanti, calce, piombo, gesso, minerale di ferro, bauxite, gallio, boro, mica, gas naturale, potassio, platino, petrolio, metalli delle terre rare, suini ferro, torba, azoto, cadmio, arsenico, magnesio, molibdeno, fosfato, zolfo, spugna di titanio, silicio, uranio, tellurio, vanadio, tungsteno, cobalto, grafite, argento, vermiculite, selenio, renio, rame e oro.

Platino e palladio

Il paese ha prodotto 91, 16 tonnellate di palladio e 25, 9 tonnellate di platino nell'anno 2014. Le merci sono ottenute da varie località del paese tra cui il deposito alluvionale di Kondyor trovato a Khabarovskiy, che si trova a circa 621, 3 miglia dalla città di Chabarovsk. La miniera di Kondyor ha prodotto circa 4, 08 tonnellate di platino nell'anno 2014. Il giacimento di Yorgalan situato vicino al deposito di Kondyor ha una stima di 14 tonnellate di riserve di platino. Il deposito Norilsk-1 si trova sulla penisola di Taymyr e contiene 0, 57 tonnellate di platino di metalli. Il giacimento di platino di rame e rame di Chernogorskoye contiene anche una quantità significativa di platino e si trova nella penisola di Taymyr ea sud del deposito di Norilsk-1. Negli ultimi anni il governo ha aumentato le spese per migliorare l'estrazione del gruppo di metalli del platino. L'aumento degli investimenti è sostenuto da prezzi globali favorevoli per entrambi i metalli.

Carbone

La Russia detiene il secondo più alto deposito di carbone nel mondo, battuto solo nella posizione migliore dagli Stati Uniti. Il paese ha un totale di 173 miliardi di tonnellate di depositi di carbone che rappresentano il 17, 6% delle riserve globali di carbone. Il carbone viene estratto attraverso 129 depositi separati e 22 bacini. Circa l'85% del carbone nazionale viene prodotto in tre giurisdizioni, tra cui lo Zabaikal'skiy, il Kemerovskaya Oblast e il Krasnoyarskiy Kray. D'altra parte, il 66% del carbone esplorato viene estratto da due bacini, il bacino Kuznetskiy e il bacino Kansko-Achinskiy. Il bacino Kansko-Achinskiy ha il 40, 7% dei depositi di risorse della nazione. Il bacino di Kuznetskiy contiene il 27, 4% delle risorse della nazione e produce anche la più alta quantità di carbone nella nazione. Il bacino di Kuznetskiy ha prodotto circa il 59% della produzione nazionale. La Russia ha prodotto circa 393, 4 milioni di tonnellate di carbone nell'anno 2013. La produzione totale di carbone antracite è stata di 14 milioni di tonnellate, mentre il carbone bituminoso e il carbone di lignite sono stati rispettivamente di 302, 5 milioni di tonnellate e 75, 9 milioni di tonnellate. L'estrazione a cielo aperto è il metodo più popolare di estrazione del carbone che rappresenta circa il 70, 6% della produzione totale. Il carbone viene esportato principalmente in Cina, Regno Unito, Giappone e Corea del Sud.

Gas naturale

La Russia è tra i maggiori produttori di gas naturale nel mondo. Il paese ha prodotto circa 22.707 miliardi di piedi cubi nel gas nel 2014. Il paese produce circa il 19% della produzione mondiale. La quota di mercato è tuttavia diminuita gradualmente a causa dell'aumento della produzione da parte di paesi come il Qatar, gli Stati Uniti e l'Iran. Le riserve di gas naturale della Russia sono stimate in 1.748 trilioni di piedi cubici. L'Urengoyskoye è il più grande giacimento di gas naturale della Russia con circa 187.17 trilioni di piedi cubici. Il deposito di Bovanenkovskoye ha una stima di 151, 85 miliardi di piedi cubici. Altri depositi significativi includono lo Yamburgskoye con 113 trilioni di piedi cubici, il deposito di Shtokmanovskoye con 137, 7 trilioni di piedi cubici, lo Zapolyarnoye e l'Astrakhanskoye ciascuno con circa 88, 3 trilioni di piedi cubici di gas. Circa l'80% della produzione nazionale proviene dalla regione Nadym-Pur-Taz. L'Urengoyskoye, lo Zapolyarnoye e lo Yamburgskoye rappresentano il 40% della produzione totale di gas. Il gas naturale viene esportato principalmente nel mercato europeo. I principali importatori di gas russo sono Germania, Bielorussia, Turchia, Ucraina, Giappone, Kazakistan e Francia.

Petrolio

La Russia ha prodotto circa 579, 8 milioni di tonnellate di petrolio nel 2014. Il paese è tra i primi tre maggiori produttori mondiali di petrolio al fianco dell'Arabia Saudita e degli Stati Uniti. Il paese ha raffinato circa 325, 2 milioni di tonnellate di petrolio nello stesso anno. Una quantità significativa di giacimenti di petrolio si trova nella Siberia occidentale. I depositi della Siberia occidentale rappresentano circa il 66, 6% della produzione totale nel paese. La Siberia orientale è anche nota per contenere grandi quantità di riserve petrolifere.

Titanio

Il paese ha prodotto circa 47.000 tonnellate di spugna di titanio per l'anno 2014, il che rappresenta un aumento della produzione del 2, 2% rispetto all'anno precedente.

Altri metalli

Si stima che la Russia abbia una stima del 25-40% delle riserve auree globali non minate. La Federazione russa è il sesto produttore mondiale di oro al mondo con circa 249 tonnellate prodotte solo nel 2017. La Russia ha il 10% delle riserve mondiali di uranio. Il paese ha prodotto l'8% della produzione totale di uranio nel mondo. Il paese contribuisce inoltre al 17% della produzione mondiale di nickel totale e al 22% della produzione mondiale di magnesio.

Sfide nell'estrazione delle risorse naturali

Negli ultimi anni il paese ha assistito a crescenti sfide nell'estrazione delle sue risorse naturali. Alcune delle sfide includono investimenti di capitale inadeguati a causa delle sanzioni sul paese da parte delle maggiori potenze mondiali, compresi gli Stati Uniti e l'Europa, a causa del suo coinvolgimento nel conflitto ucraino, tra le altre questioni. Altre sfide includono difficoltà di accesso alle risorse minerarie in aree remote nel vasto territorio. Il paese sta continuamente sviluppando meccanismi per superare le sfide che deve affrontare. Il paese è interessato allo sviluppo di nuove tecnologie automatizzate per sostituire le apparecchiature obsolete che limitano fortemente la produzione. Gli sforzi per sviluppare nuove tecnologie indigene sono anche guidati da restrizioni all'importazione di nuove tecnologie di estrazione minerale da altri paesi imposte da alcuni membri della comunità internazionale. La popolazione in declino della nazione ha anche reso necessario investire in tecnologia.

Raccomandato

Parchi nazionali dello Sri Lanka: ruolo nella conservazione della fauna selvatica
2019
Top paesi del Nord e del Sud America per l'agricoltura biologica
2019
Le infrastrutture di alimentazione più inclini alle perdite di elettricità per paese
2019