Quali sono i limiti del mare argentino?

Il mare argentino si trova sulle coste sud-orientali della terraferma argentina. Il mare argentino ha una salinità di circa il 3, 5%. Numerosi fiumi, tra cui il fiume Deseado, il fiume Colorado e il Rio Negro, tra gli altri, si riversano nel Mar argentino. L'Uruguay, il Cile e l'Argentina si trovano sul bacino del Mar dell'Argentina.

I limiti del mare argentino

Il Mar argentino fa parte dell'Oceano Atlantico meridionale e si estende dalla costa argentina verso sud, verso la Terra del Fuoco. Il mare argentino si trova a circa 500 miglia a nord dell'Antartide. La profondità massima del Mare Argentino è di 7.296 piedi mentre la sua profondità media è di 3.952 piedi. È uno dei mari più grandi del mondo e occupa un'area di circa 390.000 miglia quadrate. Il mare si allarga mentre si estende verso sud con la piattaforma di altipiani. La piattaforma del Mar argentino è composta da numerosi altipiani che scendono verso est. Grazie alla sua piattaforma a forma di scala, assomiglia morfologicamente alla Patagonia Extra-Andina.

biodiversità

Il mare argentino ha 12 regioni che sono identificate come aree di grande diversità. Il mare argentino dispone di 18 aree protette provinciali, nonché una nazionale e una aree protette internazionali. È uno dei mari più temperati del mondo e riceve la calda corrente brasiliana dal lato settentrionale e le fredde correnti delle Falkland dall'Antartide nel sud. Alcuni degli animali trovati nel mare argentino includono leoni marini, delfini, balene, cormorani, foche di pelo e focene del Burmeister. Questi animali si nutrono di alici, sardine, crostacei, plancton e alghe che si trovano nel mare argentino.

Rivendicazioni territoriali

L'acqua territoriale argentina si estende per 12 miglia nautiche dalla linea tra San Jorge e i golfo di San Matias fino ai limiti esterni del Rio de la Plata. Le loro zone economiche esclusive si estendono per 200 miglia nautiche dopo le acque territoriali argentine. La ZEE argentina si sovrappone alle affermazioni che il Regno Unito ha mantenuto per le isole Falkland. La rivendicazione territoriale delle Isole Falkland inizia nel punto intermedio tra le isole e la terraferma argentina, prima di estendersi a 200 miglia nautiche da tutte le altre parti. Le attività minerarie e di pesca nella regione sono state gestite da una commissione congiunta che è stata costituita tra il Regno Unito e l'Argentina dal 1990 al 2005 e ha deciso di utilizzare una posizione aggressiva sulla sua richiesta.

Disputa territoriale sulle isole del Mar dell'Argentina

Sia l'Argentina che il Regno Unito rivendicano le Isole Falkland. L'Argentina sostiene di aver acquistato le isole dagli spagnoli dopo aver conquistato l'indipendenza nel 1816. Tuttavia, nel 1833 il Regno Unito ha espulso i coloni e le autorità dalle isole e ha impedito loro il reinsediamento nelle Falkland. Il Regno Unito basò la loro richiesta sulla loro amministrazione continua della regione dal 1833. Il primo ministro britannico informò il presidente argentino in una riunione tenuta nel 2009 che non ci sarebbero stati negoziati sull'indipendenza delle isole. Le isole hanno avuto un referendum sul loro status politico nel 2013 e oltre il 99, 8% degli isolani ha votato a favore del rimanere nel Regno Unito. L'Argentina non riconosce i locali come partner nei colloqui sulla sovranità dell'isola.

Raccomandato

Chi sono i Kunama People?
2019
Le quattro isole maggiori delle isole Baleari
2019
Quali lingue sono parlate in Turchia
2019