Qual era l'assedio di Costantinopoli?

Descrizione

L'assedio di Costantinopoli, noto anche come primo assedio arabo di Costantinopoli, fu un impegno cruciale durante le guerre arabo-bizantine tra il 674 e il 678. Il conflitto fu guidato dal califfo Mu'awiya I che aveva tutte le intenzioni di espandere il califfato omayyade in l'impero bizantino.

Prima che iniziasse l'assedio, gli arabi fortificarono la maggior parte delle basi sulla costa dell'Asia Minore e poi proseguirono per bloccare Costantinopoli. La penisola di Cyzicus fungeva da luogo perfetto per trascorrere l'inverno mentre l'estate offriva opportunità per attaccare le fortificazioni della città. Alla fine, l'Impero Bizantino annientò gli invasori arabi usando il fuoco greco, un incendiario estremamente potente in forma liquida. Dopo aver sconfitto la marina araba, i bizantini hanno anche annullato le loro truppe di terra ponendo fine all'assedio. La fine dell'assedio fu seguita da un accordo di pace tra i due belligeranti che assicurò per un po 'la prosperità dell'Impero bizantino. In realtà, la rottura di un'altra guerra civile musulmana dopo l'assedio assicurò che l'impero bizantino godesse di un po 'di superiorità sul Califfato.

Importanza e risultati

Gli arabi decisero di seguire Costantinopoli perché era il punto focale delle operazioni per l'impero bizantino. Andando dietro alla città, gli arabi volevano paralizzare il centro assicurando così una facile vittoria sulle altre province dell'impero bizantino. Se gli arabi avessero vinto, le province sarebbero cadute facilmente a causa della mancanza di coordinamento.

In secondo luogo, la sconfitta segnò anche l'inizio della fine della missione di Mu'awiya di indebolire lentamente i Bizantini che erano iniziati nel 661. Enormi quantità di risorse furono versate nella costruzione di flotte e nel mantenimento dell'assedio. Anche la sconfitta subita dai bizantini inflisse un duro colpo al prestigio e al rispetto che il Califfato era solito comandare. Viceversa, l'impero bizantino proveniente da altri stati crebbe. Diversi capi di stato hanno presentato molti doni come un modo per congratularsi e riconoscere la supremazia dei bizantini. Di conseguenza, i Bizantini consolidarono e fortificarono la maggior parte delle posizioni garantendo così un periodo di sicurezza e prosperità.

Dopo il trattato di pace dopo la sconfitta del califfato, Costantino IV, capo dell'impero bizantino, decise di usare il periodo di pace per affrontare un'altra minaccia; quello di Bulgar nei Balcani. Tuttavia, il suo esercito fu sconfitto in modo radicale e portò alla creazione dello stato di Bulgar nella parte nord-orientale dei Balcani. Dall'altro lato, il Califfato cominciò a districarsi dall'interno. Questo disfacimento fu ulteriormente aggravato da un'altra guerra civile musulmana. La pace tra i due durò fino a quando Giustiniano II, figlio di Costantino IV, prese il potere. Nel 693, la pace cessò dopo la deposizione di Giustiniano e dei Bizantini sconfitti dagli Omayyadi a Sebastopoli. Dopo la sconfitta e l'anarchia che seguirono, gli arabi fecero un altro tentativo a Costantinopoli tra il 717 e il 718. Gli arabi furono respinti nuovamente durante il secondo tentativo.

I racconti dell'assedio sono stati esaminati da studiosi come James Howard-Johnson. Sostiene che l'assedio non ha effettivamente preso tra il 674 e il 678 poiché la maggior parte delle fonti orientali non ha il conto. Invece, afferma che gli eventi del secondo assedio hanno influenzato la registrazione della prima battaglia.

Raccomandato

Qual è la cultura della Guinea-Bissau?
2019
Credenze religiose in Indonesia
2019
Cos'è il fordismo?
2019