Qual è la differenza tra organico e inorganico?

Definizioni di composti organici e inorganici

Un composto organico si riferisce a sostanze chimiche che contengono carbonio nella loro struttura. Il carbonio esistente negli organismi viventi lo rende organico ma altri elementi come l'idrogeno, l'ossigeno e l'azoto possono anche essere presenti a causa dei legami di carbonio.

D'altra parte, gli scienziati definiscono un composto inorganico come privo di molecole di carbonio. Tendono ad essere sintetizzati da sistemi geologici e derivati ​​da minerali. La produzione di questi composti avviene attraverso interventi umani o esperimenti da laboratori.

Cibi organici

I termini organici e inorganici sono anche usati in agricoltura per riferirsi al cibo. I cibi biologici sono alimenti senza tracce di sostanze chimiche come diserbanti, pesticidi, fertilizzanti, fanghi di depurazione e radiazioni ionizzanti. La produzione di alimenti biologici richiede l'uso di fonti naturali come residui di colture e letame di compost. Tuttavia, il cibo inorganico è ciò che gli agricoltori coltivano con l'uso di fertilizzanti prodotti dall'uomo.

Differenze tra composti organici e inorganici

In primo luogo, i composti organici sono prodotti e principalmente associati ad organismi viventi. Spesso derivano da attività umane mentre i processi non viventi producono composti inorganici. Pertanto, è comune scoprire che i composti organici contengono acidi grassi, lipidi, proteine ​​ed enzimi trovati nelle cellule degli organismi viventi mentre i composti inorganici contengono sali e metalli. In secondo luogo, i composti organici contengono atomi di metallo mentre i composti inorganici non hanno gli atomi di metallo. In terzo luogo, i composti organici sono costituiti da atomi di carbonio e atomi di idrogeno che formano idrocarburi. Al contrario, i composti inorganici non possiedono né idrogeno né carbonio.

Infine, tutti i composti organici hanno carbonio senza eccezioni. Tuttavia, alcuni composti inorganici contengono carbonio in essi. Ad esempio, il monossido di carbonio ha atomi di carbonio, tuttavia, non è sufficiente classificarlo sotto composti organici. Lo stesso caso si applica al biossido di carbonio. Quindi c'è un'eccezione alla regola generale quando si tratta di composti inorganici.

Esempi di composti organici e inorganici

Alcuni esempi di composti organici includono saccarosio e metano. Il saccarosio, comunemente noto come zucchero, ha un nome chimico scritto come C 12 H 22 O 11. Gli elementi che formano lo zucchero sono carbonio, idrogeno e ossigeno. Di conseguenza, lo zucchero si qualifica per essere chiamato un composto organico. Allo stesso modo, il metano (CH 4 ) ha anche componenti di carbonio e idrogeno nella sua struttura. Quindi, il metano è anche un composto di carbonio.

D'altra parte, esempi di composti inorganici sono solfuro di ammonio e cloruro di calcio. La composizione chimica dei due può essere vista nei loro nomi chimici: (NH 4 ) 2 S e CaCl 2 rispettivamente. Nessuno di questi composti si qualifica per essere chiamato organico poiché manca di carbonio.

Applicazione

La chimica inorganica è uno dei temi più ampi in quanto copre migliaia di sostanze prive di carbonio. La maggior parte dei composti inorganici trova impiego nei settori della medicina e della sanità. Per esempio, i cloruri di sodio e di potassio alleviano i pazienti dalla debolezza di cui soffrono durante la disidratazione, il vomito e la diarrea. Inoltre, l'ossigeno è vitale per la respirazione e il fluoruro di sodio per prevenire la carie dentale. D'altra parte, i composti organici sono anche essenziali. Aldeidi come la formaldeide sono fondamentali nella conservazione di campioni biologici. Grafite e diamanti hanno un prezzo molto alto nei mercati di gioielleria in tutto il mondo.

Raccomandato

Qual è la cultura della Guinea-Bissau?
2019
Credenze religiose in Indonesia
2019
Cos'è il fordismo?
2019