Principali motivi per cui la popolazione animale diminuisce

La fauna selvatica si riferisce a tutte le specie vegetali e animali che sopravvivono in aree naturali e selvagge in tutto il mondo. Un delicato equilibrio deve esistere tra tutti gli esseri viventi al fine di sostenere ecosistemi sani. Sfortunatamente, quell'equilibrio è stato escluso dal coinvolgimento umano. Le popolazioni di mammiferi, uccelli, rettili, pesci e anfibi sono diminuite del 52% negli ultimi 4 decenni secondo il World Wildlife Fund. Le forze dietro questa distruzione senza precedenti sono molte. Questo articolo prende in esame alcune delle principali cause del declino della fauna selvatica.

Principali cause della perdita della fauna selvatica

Gli esseri umani usano piante e animali per quasi ogni aspetto della vita quotidiana. Cibo, vestiti, medicine, souvenir, animali domestici e materiali da costruzione sono solo alcuni degli usi che hanno portato le persone a fare affidamento sulla natura selvaggia. Gli esseri umani soddisfano questi bisogni sovrasfruttando i fiumi e gli oceani, mettendo in pericolo gli animali in via di estinzione e rovesciando le specie importanti. Lo sfruttamento della fauna selvatica è responsabile del 37% della perdita di biodiversità della fauna selvatica. Stiamo prendendo più di quanto Madre Natura possa fornire.

Uso di terra umana in competizione per lo spazio con la fauna selvatica

Inoltre, per stare al passo con la crescita insostenibile della popolazione umana, è necessario un numero sempre maggiore di terreni. Le città si stanno espandendo a ritmi allarmanti e si estendono oltre i loro confini originali. Gli sviluppi abitativi stanno violando le case di animali e piante coprendo la terra con colline di cemento e ruscellamento per creare appezzamenti di terreno e danneggiando fiumi e torrenti per produrre energia idroelettrica. Non c'è da meravigliarsi se il degrado e il cambiamento dell'habitat hanno causato una perdita della fauna selvatica del 31, 4%. A questo si aggiunge la perdita dell'habitat, responsabile del 13, 4% della perdita di fauna selvatica. La perdita di habitat si sta verificando nel tentativo di tenere il passo con le richieste di agricoltura che richiedono enormi tratti di terra per produrre mangimi. Questo mangime viene utilizzato per gli animali allevati per la carne negli allevamenti. Per ottenere questi tratti di terra, vengono utilizzate le pratiche di deforestazione. La deforestazione abbatte alberi e grandi piante, spogliando animali di rifugio e cibo.

Inquinamento

Tutto questo sviluppo umano produce inquinamento. I corsi d'acqua sono inquinati da deflusso proveniente dagli impianti di produzione, dagli allevamenti industriali e dal gas e dall'olio che si accumulano sulle strade. Le pratiche di estrazione scartano metalli e minerali pesanti inutilizzabili nelle acque sotterranee. L'aria è inquinata dai fumi del traffico e dalla combustione di combustibili fossili. I pesticidi spruzzati sulle colture uccidono inavvertitamente altre specie di piante. L'immondizia e la spazzatura riempiono la terra di plastiche non biodegradabili che possono essere consumate dagli animali sia a terra che in mare. Tutti questi motivi e altri spiegano perché l'inquinamento è direttamente responsabile della perdita del 4% della biodiversità della fauna selvatica. Ma, indirettamente, è responsabile di più morti perché causa il cambiamento climatico globale. Tutti questi gas serra rilasciati nell'aria non hanno solo un impatto diretto sulla qualità dell'aria e dell'acqua, ma continuano a intrappolare la radiazione solare che porta a temperature globali più elevate, disastri naturali e fusione glaciale. Il cambiamento climatico globale ha sterminato il 7, 1% di tutti gli animali selvatici.

Specie invasive

Il coinvolgimento umano non si ferma a queste cause. L'aumento della globalizzazione significa che le persone ora viaggiano più lontano e più velocemente che mai prima di portare con sé nuove idee, prospettive commerciali e prodotti finiti in tutto il mondo. Anche se questo sembra un avanzamento positivo per la civiltà, comporta anche conseguenze negative. Questa maggiore mobilità ha anche permesso la diffusione di piante e animali non nativi per spostarsi in nuove aree. La fauna selvatica non autoctona è definita come specie invasive e sono responsabili della perdita del 5, 1% di tutti gli animali selvatici e del 42% di tutte le specie in via di estinzione. Le specie invasive si muovono in un'area e rapidamente si riproducono e si diffondono. Sono più numerosi delle specie native, predano su di loro e competono con loro per le risorse alimentari. Ciò riduce la biodiversità modificando in tal modo la struttura dell'ecosistema.

Malattia

Infine, la malattia tra piante e animali è responsabile di una perdita del 2% nella biodiversità. La malattia è quasi una conseguenza delle cause summenzionate di perdita della fauna selvatica, perché si verifica in ecosistemi malsani e squilibrati. Anche se sono presenti in natura, un ecosistema malsano non può difendersi da solo e combattere virus, funghi e batteri nello stesso modo in cui un ecosistema sano può farlo. Livelli più bassi di biodiversità significano che la comunità animale e vegetale è meno resistente alle malattie.

Cosa si può fare?

All'interno delle aree urbane, i residenti devono essere istruiti e autorizzati a lavorare a livello locale per promuovere gli sforzi di conservazione su piccola scala. I proprietari delle aziende devono essere ritenuti responsabili per il degrado ambientale che il loro lavoro potrebbe causare e ulteriormente incaricato di ridurre e compensare questa distruzione. I responsabili politici a livello internazionale devono affrontare il problema degli scambi di specie selvatiche e del bracconaggio. Il governo nazionale dovrebbe concentrarsi sulla conversione delle loro nazioni alle fonti di energia rinnovabile. A livello individuale, le persone devono concentrarsi sulla riduzione, il riutilizzo e il riciclaggio dei prodotti. Questo problema è grande, non può essere risolto da una sola persona. L'azione è necessaria attraverso i confini e le culture, dai livelli più bassi della società al più alto. Il problema non può più essere ignorato.

Le principali cause di declino delle popolazioni di fauna selvatica in tutto il mondo

RangoCausa della perdita di specie% Di perdita dovuta alla causa
1Sfruttamento37%
2Degrado / cambiamento degli habitat31, 4%
3Perdita di Habitat13, 4%
4Cambiamento climatico7, 1%
5Specie / geni invasivi5, 1%
6Inquinamento4%
7Malattia2%

Raccomandato

Animali delle montagne dell'Atlante
2019
Cosa significano i colori e i simboli della bandiera dell'ASEAN?
2019
Prima guerra mondiale: fatti e informazioni
2019