Paesi in cui le popolazioni urbane non hanno accesso alle strutture sanitarie

Diversi paesi in tutto il mondo hanno una percentuale maggiore della popolazione che non ha accesso a strutture sanitarie migliorate. Strutture igieniche adeguate assicurano che la popolazione umana sia separata dai propri rifiuti. Tra le strutture migliorate ci sono i sistemi di canalizzazione delle condotte, le latrine dei pozzi, i servizi igienici in composito e i siti di smaltimento dei rifiuti adeguati. La sanificazione è essenziale per migliorare la qualità della vita. L'accesso alle strutture igienico-sanitarie è una misura del progresso di un paese nella lotta contro le malattie e la povertà. Le adeguate strutture igienico-sanitarie sono diritti umani basilari per ogni singola persona, indipendentemente dalla nazione, secondo le Nazioni Unite. La maggior parte della popolazione urbana dei paesi del terzo mondo ha poco o nessun accesso a servizi igienico-sanitari migliorati. Alcuni di questi paesi includono Sud Sudan, Madagascar, Repubblica del Congo, Ghana, Sierra Leone, Togo, Etiopia, Liberia, Uganda e Repubblica Democratica del Congo (RDC).

Popolazioni urbane con scarso accesso alle migliori strutture igienico-sanitarie

Sudan del Sud

Solo il 15% delle famiglie del Sud Sudan usa mezzi sicuri per lo smaltimento dei rifiuti umani, mentre solo il 55% della popolazione ha accesso all'acqua potabile. Le condizioni igienico-sanitarie sono ancora peggiori nelle aree urbane di Juba, dove solo il 16% della popolazione può accedere a servizi igienico-sanitari di qualità. Le lugubri figure nelle aree urbane sono dovute al sovraffollamento e al costante conflitto. Le scarse condizioni igienico-sanitarie sono attribuite alla mancanza di una corretta politica governativa in materia di acqua, servizi igienico-sanitari e smaltimento dei rifiuti. Lo stato di scarsa igiene nelle città del Sud Sudan ha esposto la maggior parte della popolazione a rischi per la salute quali infezioni da parassiti interni, diarrea e malattie respiratorie.

Madagascar

La gestione dei servizi igienico-sanitari nelle aree urbane del Madagascar non è ben definita in quanto tale. Infatti, anche l'ente preposto per la gestione dei rifiuti, SAMVA, è operativo solo in una città urbana. A causa della scarsa gestione delle strutture igienico-sanitarie e della mancanza di una politica consolidata in materia di servizi igienico-sanitari e acqua, solo il 18% della popolazione urbana e il 6% della popolazione rurale possono accedere a strutture igieniche pulite e di qualità. La gestione dei servizi igienico-sanitari è affidata ai comuni che gestiscono le strutture igienico-sanitarie. Tuttavia, questi comuni non hanno fondi sufficienti per la gestione dei rifiuti.

Repubblica del Congo

La Repubblica del Congo è uno dei paesi più poveri al mondo, posizione 175 su 177 secondo i dati delle Nazioni Unite. L'accesso ai servizi igienico-sanitari e all'acqua pulita è ostacolato da un improprio coordinamento da parte delle autorità idriche nella Repubblica del Congo. La percentuale della popolazione peri-urbana e semi-urbana che ha accesso all'acqua potabile e ai servizi igienici di qualità è solo il 20% della popolazione urbana. Il basso accesso a servizi igienico-sanitari di qualità è dovuto al cattivo finanziamento del settore idrico e igienico-sanitario e alle scarse infrastrutture del paese. Donatori internazionali come la Banca mondiale, l'Unione europea e la Banca per lo sviluppo dell'Africa collaborano con il governo della Repubblica del Congo per migliorare i servizi igienico-sanitari nel paese.

Ghana

Il Ghana ha definito politiche aggressive per raggiungere gli obiettivi nazionali in materia di servizi idrici e igienico-sanitari. La maggior parte delle strategie di miglioramento dei servizi igienico-sanitari è finalizzata al miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie delle aree urbane come Kumasi, dove l'accesso a strutture igienico-sanitarie migliorate è ancora del 20%. Il basso accesso è stato attribuito alla mancanza di finanziamenti e alla creazione di capacità in Ghana. La maggior parte degli sforzi sono stati diretti a migliorare l'accesso all'acqua a spese delle strutture igienico-sanitarie.

Fare progressi verso i miglioramenti necessari

Per aumentare l'accesso alle strutture sanitarie migliorate per la popolazione urbana, i governi hanno deliberatamente stanziato fondi per migliorare e fornire strutture igienico-sanitarie. Gli obiettivi di sviluppo del millennio stabiliti dalle Nazioni Unite sono stati utilizzati come punto di riferimento dalla maggior parte dei paesi per la fornitura di questi servizi. I governi hanno anche collaborato con organizzazioni di donatori come la Banca Mondiale, la Banca per lo sviluppo dell'Africa e altre nazioni sviluppate per migliorare le loro strutture igienico-sanitarie.

Paesi la cui popolazione urbana ha l'accesso più basso a servizi di igiene migliorati

RangoNazione% Della popolazione urbana con accesso a servizi igienici migliori
1Sudan del Sud16
2Madagascar18
3Congo, rep.20
4Ghana20
5Sierra Leone23
6Andare25
7Etiopia27
8Liberia28
9Uganda29
10Congo, Dem. Rappresentante.29

Raccomandato

Le città sacre dell'induismo
2019
Qual è la fonte del fiume Reno?
2019
Cos'è un clima tropicale?
2019