Paesi in cui le donne sono più propense a lavorare nel settore dei servizi

Negli ultimi venti anni, la tendenza del lavoro globale si è spostata dall'essere principalmente di natura agricola alle attività basate sull'industria, e quindi al settore dei servizi. Questo spostamento ha creato posti di lavoro nel settore dei servizi con un elevato numero di beneficiari di donne. Nei paesi con un'economia di servizi ben sviluppata, la percentuale negli ultimi venti anni è aumentata fino a costituire il 90-98% delle donne lavoratrici che partecipano al settore dei servizi. Il settore dei servizi comprende commercio all'ingrosso e al dettaglio, ristoranti e alberghi, assicurazioni, immobili, finanziamenti, servizi alle imprese, servizi sociali, di stoccaggio e personali.

Una combinazione di fattori socioeconomici ha anche contribuito a questa tendenza e alle conseguenti implicazioni. Questi sono i paesi che hanno una grande quota di popolazione femminile impegnata nel settore dei servizi.

Kuwait

Il Kuwait ha il 98% della popolazione femminile impegnata nel settore dei servizi. Questo fatto ha enormemente ridotto il tasso di disoccupazione del paese negli ultimi due anni. Ha inoltre aumentato la partecipazione complessiva della forza lavoro al 72% nel 2014.

Arabia Saudita

Le donne saudite rappresentano circa il 38% dei dipendenti delle istituzioni governative, con il 98% di loro che lavorano nel settore dei servizi. Questo fatto rappresenta un aumento del 48% secondo il Dipartimento centrale di statistica e informazione del paese. Il settore dei servizi in cui le donne sono principalmente impegnate comprende istruzione, ospitalità, servizi sanitari e sociali. Di recente, le donne saudite sono aumentate nel settore finanziario nonostante l'opposizione. L'aumento è attribuito all'aumento del numero di donne istruite poiché le università hanno arruolato più donne rispetto ai regimi precedenti.

Isole Cayman

Le Isole Cayman hanno il 98% delle donne lavoratrici occupate nel settore dei servizi. Questo grande numero di donne nelle economie di servizi è dovuto alle ipotesi sociali che sono più adatte ad alcuni lavori rispetto agli uomini. Questo tipo di lavoro include la pulizia, l'insegnamento dei bambini più piccoli e il lavoro sociale.

Macao

Le donne nelle economie di servizi rappresentano il 95% di tutte le donne lavoratrici a Macao. L'industria alimentare è la più grande di Macao e quindi più donne trovano opportunità qui. Altri includono servizi ricreativi, culturali, giochi, stoccaggio, comunicazione, hotel, ristoranti, salute e assistenza sociale e produzione.

Qatar

In Qatar, il 95% delle donne lavoratrici è nel settore dei servizi. Le donne del Qatar sono in media più istruite degli uomini e stanno entrando nella forza lavoro in numero crescente. Il numero consistente di donne nel settore dei servizi è attribuito ai loro impegni anche attraverso anni di mantenimento. Per questo motivo, il Qatar ospita la più alta percentuale di donne impiegate nel Golfo.

Norvegia

Per la popolazione lavoratrice, il 91% di loro è impegnato nel settore dei servizi. La Norvegia ha un'economia di servizi ben sviluppata che ha sperimentato un tremendo cambiamento nella partecipazione delle donne. Dall'inizio degli anni '70, le donne coinvolte nell'occupazione sono aumentate dal 44% al 76%. Questo a causa della continua diminuzione dell'idea di casalinghe che era tradizionalmente molto forte. Questo fatto ha permesso a più donne di partecipare all'economia.

Svezia

La Svezia ha il 91% delle donne lavoratrici impegnate nei servizi. Dopo varie riforme sociali negli anni '70, c'era bisogno di far fronte al crescente bisogno di lavoro con l'economia in crescita. Di conseguenza, le donne lavoravano con profitto e offrivano pari opportunità agli uomini. Mentre l'economia continua a crescere, le donne si sono stabilite principalmente nel settore dei servizi.

Cipro

Come molti altri paesi del Medio Oriente, il 91% delle donne lavoratrici a Cipro lavora nel settore dei servizi. Cipro ha un alto tasso di occupazione del 68, 7%, di cui le donne al 58, 5%. Il governo di Cipro ha incluso politiche socioeconomiche che hanno creato l'uguaglianza per uomini e donne. Queste politiche hanno permesso una partecipazione significativa delle donne nell'economia.

Belgio

Essendo una delle economie più sviluppate nell'UE, il settore dei servizi del Belgio è dominato da donne che rappresentano il 91% del totale. Poiché l'occupazione femminile nel settore dei servizi ha continuato a crescere, il numero di uomini occupati è diminuito. Questa tendenza ha portato anche a una maggiore disoccupazione tra gli uomini dal 2014, in particolare quelli sopra i cinquanta.

Argentina

L'unica nazione sudamericana in questa lista, la popolazione lavoratrice argentina è composta per il 91% dall'economia del servizio. Mentre l'Argentina ha un tasso di partecipazione inferiore al 32% per le donne, la maggior parte di loro è impegnata in lavori di servizio part-time. Il numero è comunque aumentato negli ultimi anni, con un benessere migliore per le donne lavoratrici che li ha incoraggiati a entrare nell'economia del servizio.

Paesi in cui le donne sono più propense a lavorare nel settore dei servizi

RangoNazione% di donne lavoratrici impiegate nel settore dei servizi
1Kuwait98%
2Arabia Saudita98%
3Isole Cayman98%
4Macao95%
5Qatar95%
6Norvegia91%
7Svezia91%
8Cipro91%
9Belgio91%
10Argentina91%

Raccomandato

Che tipo di governo hanno gli Emirati Arabi Uniti?
2019
The Worst Decades for Crime
2019
La gente del Liechtenstein
2019