Paesi con le tariffe meno proibitive e costose

Le importazioni sono necessarie per la bilancia commerciale di un paese. Attraverso le importazioni, un paese può soddisfare la domanda di un determinato bene o servizio e allo stesso tempo ottenere un prodotto che non è in grado di produrre localmente. Tuttavia, le importazioni sono considerate una spesa per l'economia. Inoltre, le importazioni destabilizzano i prezzi di beni e servizi prodotti localmente nel paese. Inoltre, competono per la quota di mercato e nella maggior parte dei casi portano fuori dal mercato i prodotti locali. A causa degli effetti negativi dei beni di importazione sull'economia, la maggior parte dei paesi ha aumentato le tariffe su tutte le importazioni per vietare le importazioni di determinati beni. La tariffa proibitiva aumenta il costo dell'importazione al di sopra del prezzo del mercato locale, scoraggiando così gli importatori dal portare le merci nel paese. Come da Banca Mondiale, il picco della linea di azioni internazionale è del 15%. Tuttavia, alcuni paesi hanno meno tariffe proibitive costose. Alcuni di questi paesi sono esaminati di seguito.

Bosnia Erzegovina

L'autorità per le imposte indirette della Bosnia ed Erzegovina ha la responsabilità di gestire le dogane nel paese. L'autorità ha eliminato le tariffe di importazione per 23.000 prodotti importati dall'Unione europea. L'eccezione tariffaria su alcune di queste importazioni ha portato solo a tariffe proibitive e costose. La Bosnia-Erzegovina ha una quota di mercato proibitiva dello 0, 00% superiore al 15% raccomandato. Alcuni dei beni esentati dai dazi all'importazione includono beni militari e di polizia, beni per investimenti e beni per la ricostruzione. L'impatto di poche tariffe proibitive costose è stata la continua importazione di prodotti che hanno promosso investimenti da parte di stranieri nel paese e la costante fornitura di beni nel mercato. Anche i beni finanziati dai donatori, come le attrezzature militari che sono esentate dalle tariffe di importazione, sono stati resi prontamente disponibili per gli uomini di servizio.

Georgia

L'ambiente commerciale della Georgia è uno dei più liberalizzati e competitivi al mondo. La politica commerciale liberale del paese è caratterizzata da bassi dazi all'importazione, regime agevolato del commercio estero, regolamentazioni minime non tariffarie e semplici procedure doganali. Le tariffe dell'85% delle merci importate sono state abolite nel 2006, né esistono tariffe stagionali. Non ci sono tariffe proibitive con una linea condivisa dello 0, 00% su qualsiasi merce, specialmente quelle provenienti dai membri dell'Organizzazione mondiale del commercio. L'impatto della non tariffazione è il commercio rafforzato tra la Georgia e il resto del mondo con il paese che acquisisce prodotti a prezzi bassi.

Hong Kong

Hong Kong si considera una nazione "porto franco" senza significative tariffe doganali, tasse sul valore aggiunto (IVA), quote o costi generali di servizio. Il dazio all'importazione è imposto unicamente sul tabacco, l'alcool metilico, i liquori e l'olio di idrocarburi. Hong Kong non impone tariffe non tariffarie come misura per proteggere le sue industrie, ma impone tariffe di importazione per proteggere il settore della salute pubblica, l'ambiente e la sicurezza. Tuttavia, le misure si presentano sotto forma di licenze, pertanto non vi sono tariffe proibitive su beni e servizi importati nel paese.

Promuovere il commercio riducendo al minimo le tariffe

Altri paesi con un minimo di tariffe proibitivamente costose includono la Polinesia francese, il Tagikistan, Macao, il Cile, il Kuwait, Singapore e l'Armenia, tra gli altri paesi elencati di seguito. La mancanza di tariffe proibitive è facilitata dalle tariffe di libero scambio e non doganali in questi paesi. I paesi hanno aperto i loro mercati a beni e servizi di altri paesi per promuovere la crescita delle loro industrie locali.

Paesi con le tariffe meno proibitive e costose

RangoNazionePercentuale di linee tariffarie superiore al 15%
1Bosnia Erzegovina0, 0%
2Georgia0, 0%
3Hong Kong0, 0%
4Polinesia francese0, 0%
5Tajikistan0, 0%
6Macao0, 0%
7Azerbaijan0, 0%
8Chile0, 0%
9Kuwait0, 0%
10Singapore0, 0%
11Armenia0, 0%
12Albania0, 0%
13Qatar0, 0%
14Oman0, 0%
15Arabia Saudita0, 0%
16Emirati Arabi Uniti0, 0%
17Haiti0, 0%
18Norvegia0, 5%
19Israele0, 5%
20Kyrgyzstan0, 6%

Raccomandato

Le città sacre dell'induismo
2019
Qual è la fonte del fiume Reno?
2019
Cos'è un clima tropicale?
2019