Paesi con il più grande debito pubblico

Più o meno allo stesso modo in cui il corretto bilancio è importante a livello di famiglia, l'ambiente economico di un paese può essere notevolmente migliorato o gravemente danneggiato, a seconda di quanto i suoi leader e finanziatori sono in grado di stabilire e attuare pratiche di gestione del denaro efficaci. Avere troppi debiti significa che un'economia non può funzionare correttamente e le conseguenze che derivano dal portare troppi debiti potrebbero alla fine tradursi nell'onere finanziario di tale trasferimento ai contribuenti.

Il debito pubblico (o nazionale ) di un paese si riferisce all'importo totale di denaro dovuto dal suo governo ai creditori sia a livello nazionale ( debito interno ) sia a livello internazionale ( debito estero ). A volte, i governi usano il finanziamento del debito per finanziare le loro operazioni vendendo \ obbligazioni e titoli di sicurezza, o anche prendendo a prestito da istituti internazionali di finanziamento come la Banca Mondiale o il Fondo Monetario Internazionale. Il prodotto interno lordo di un paese è misurato dal valore finanziario di tutti i servizi e beni prodotti in un determinato momento (di solito un anno). In quanto tale, viene utilizzato come uno degli indicatori principali delle dimensioni e della salute dell'economia di un paese.

La proporzione del debito pubblico di un paese viene confrontata con il suo prodotto interno lordo (PIL) con due fattori: 1) ciò che il paese deve, in relazione a 2) ciò che produce. Questa proporzione mostrerà la possibilità del paese di rimborsare ciò che deve alla sua capacità di produrre e vendere beni. Pertanto, più basso è il rapporto, meglio è. Detto questo, può sembrare strano vedere che paesi come gli Stati Uniti e la Francia hanno un debito nazionale tra i più alti e il rapporto tra prodotto interno lordo. Anche se gli economisti hanno affermato che, affinché un paese sia più stabile, i paesi dovrebbero essere in grado di produrre di più senza danneggiare la crescita economica, questi esempi di importanti leader economici mondiali dimostrano che avere un rapporto elevato non danneggia necessariamente un'economia. In effetti, il debito può favorire lo sviluppo stimolando l'economia se i fondi presi in prestito vengono applicati in modo efficace. Un buon esempio del concetto che un basso rapporto debito / PIL è generalmente auspicabile è ben illustrato dal caso dell'Arabia Saudita. Qui, a causa dei tassi di esportazione dei suoi prodotti petroliferi, è riuscito a raggiungere uno dei più bassi livelli di rapporto debito / prodotto interno lordo, poiché la pratica limita il governo saudita dall'ottenere grandi quantità di debito non necessario.

Per molti paesi, il debito continua a crescere e, a causa della natura indebolita dell'economia globale negli ultimi sette anni, l'adempimento dei piani di pagamento è diventato ancora più difficile per molti paesi in via di sviluppo rispetto a prima. Nondimeno, anche molti paesi avanzati hanno subito enormi livelli di debito pubblico in relazione al loro PIL, come vediamo con il Giappone. I giapponesi hanno tentato di ripagare alcune porzioni di questo enorme debito attraverso i fondi realizzati dall'aumento delle tasse della cittadinanza giapponese. La Grecia è diventata famosa in tutto il mondo per le lotte economiche e incorrere in un debito pubblico che quasi raddoppia il suo PIL, mentre un altro paese mediterraneo, l'Italia, non sta andando molto meglio, con debiti pubblici pari al 134% del PIL italiano.

Quando un paese paga interessi sul suo debito senza danneggiare la sua crescita economica interna, è considerato stabile. Quando un paese non può continuare a pagare i suoi debiti, potrebbe dover dichiarare un default su di esso (essenzialmente rivendicare il fallimento), che dà un certo sollievo tramite un certo grado di cancellazione del debito e rifiuto di rimborsare i creditori. Tali azioni, tuttavia, possono in ultima analisi danneggiare la reputazione del paese e ostacolare la sua capacità di ottenere crediti e di condurre scambi internazionali in futuro. Con relazioni così frammentate derivanti da insolvenze e rimborsi anticipati del debito, la maggior parte degli economisti globali e degli analisti finanziari concordano sul fatto che le attuali situazioni di indebitamento in cui molti paesi si sono trovati a porre rischi imminenti per la stabilità del commercio internazionale e della finanza.

Paesi con il più grande debito pubblico

RangoNazioneIn relazione al PIL
1Giappone246, 14%
2Grecia172, 73%
3Italia133, 76%
4Giamaica132, 82%
5Libano131, 82%
6Enritrea129, 24%
7Portogallo126, 35%
8capo Verde121, 08%
9Bhutan115, 89%
10Irlanda107, 75%
11Grenada107, 11%
12Antigua e Barbuda106, 91%
13Belgio106, 57%
14Cipro105, 67%
15stati Uniti105, 06%
16Barbados102, 51%
17Gambia100, 01%
18Spagna99, 44%
19Singapore97, 77%
20Francia97, 01%

Raccomandato

I 10 animali più dormienti del mondo
2019
Acquari più antichi negli Stati Uniti
2019
Chi ha scritto lo Star Spangled Banner?
2019