Paesi con i più alti tassi di malaria

La malaria è una delle principali cause di morte in molte nazioni in via di sviluppo in tutta l'Africa, il Sud America e l'Asia. Le zanzare anofele femminili infette trasmettono questo parassita agli umani. Il parassita malarico più letale è il P. falciparum che causa malaria maligna caratterizzata da brividi, mal di testa, vomito e febbre durante l'esordio precoce, spesso seguita dalla morte. Gli operatori sanitari diagnosticano l'infezione testando il sangue per gli antigeni. Uno dei metodi più diffusi è chiamato Rapid Diagnostic Testing e fornisce una diagnosi in 2 a 15 minuti. I ritardi nel trattamento comportano gravi malattie e morte. Alcuni paesi sperimentano tassi di malaria più elevati rispetto ad altri, la maggior parte in Africa. Questo articolo esamina i fattori che influenzano la diffusione della malattia.

Paesi con i più alti tassi di malaria

Trasmissione e diagnosi di malaria

La malaria viene trasmessa attraverso la zanzara femmina Anopheles che prospera nelle regioni tropicali e subtropicali. È molto raro, se non mai, trovato in alta quota, nei deserti o durante le stagioni fredde. Nel 2015 sono stati segnalati 214 milioni di nuovi casi di malaria con circa 438 mila morti. Questi numeri provengono da casi diagnosticati e molte infezioni non vengono diagnosticate. La malaria è prevenibile e curabile. La maggioranza se questi nuovi casi e il 90% dei decessi che ne derivano si verificano in Africa. L'Uganda, ad esempio, ha riportato il maggior numero di nuove infezioni con 10, 3 milioni. Questa cifra è seguita dal Ghana con 8, 8 milioni e altri 6, 3 milioni nella Repubblica Democratica del Congo.

Fattori che portano alla diffusione della malattia

Perché gli operatori sanitari diagnosticano così tante nuove infezioni della malaria in Africa ogni anno? Oltre ai paesi menzionati in precedenza, ci sono stati anche 6, 1 milioni di nuovi casi in Burkina Faso, 5, 8 milioni in Kenya e 4, 7 milioni in Zambia. La risposta travolgente alla diffusione della malaria è la povertà. Nei paesi in cui la maggioranza delle persone vive in povertà, infezioni come la malaria hanno molte più probabilità di verificarsi. La costruzione di case nelle zone rurali dei paesi in via di sviluppo fa ben poco per proteggersi dalle zanzare che entrano e le famiglie non possono permettersi zanzariere per appendere i letti. Questi individui non sono in grado di pagare per il trasporto e le strutture sanitarie e, anche se riescono a ottenere una diagnosi formale, spesso non sono in grado di pagare le medicine. La mancanza di educazione sulla prevenzione della malaria, come la copertura dei depositi di acqua per prevenire la riproduzione delle zanzare, contribuisce anche al motivo per cui questi paesi affrontano alti tassi di malaria. La malnutrizione è dilagante anche in queste aree, il che rende il sistema immunitario più debole.

Effetti su neonati e bambini

Infezioni della malaria causano un enorme onere per i sistemi sanitari in questi paesi e colpisce principalmente i bambini che sono infetti in 1 modi su 3. Quando la madre è infetta durante la gravidanza, il parassita viene passato al feto. Questo evento si traduce in parto prematuro e basso peso alla nascita che diminuisce le possibilità di sopravvivenza. Un caso di malaria rapido e grave può anche causare convulsioni, coma o infezioni respiratorie, tutte cause di morte. Infine, i bambini che si infettano ripetutamente hanno maggiori probabilità di soffrire di anemia che, a sua volta, indebolisce il loro sistema immunitario.

Altri paesi con un alto numero di nuove infezioni da malaria sono il Pakistan (4, 3 milioni), l'Etiopia (3, 9 milioni), il Malawi (3, 7 milioni) e il Niger (3, 5 milioni).

Altri fattori che contribuiscono alla diffusione della malaria

Un'altra causa della diffusione della malaria può essere attribuita al cambiamento climatico globale. Il clima influenza la malattia infettiva. Questo è vero per virus, batteri e parassiti. Le variazioni di temperatura, precipitazioni e livelli di umidità perpetueranno la stagione riproduttiva di queste zanzare. Dato che i cambiamenti climatici globali aumentano la temperatura nei paesi summenzionati e che le zanzare portatrici di parassiti prosperano e si moltiplicano nei periodi caldi, è una conclusione ragionevole che la malaria continuerà a infettare milioni di persone ogni anno. Se individui, comunità e nazioni non si uniscono per ridurre i contribuenti al cambiamento climatico globale, gli effetti saranno dannosi per la popolazione mondiale.

Paesi con i più alti tassi di malaria

RangoNazioneCasi segnalati di malaria (in milioni)
1Uganda10.3
2Ghana8.8
3Repubblica Democratica del Congo6.3
4Burkina Faso6.1
5Kenia5.8
6Zambia4.7
7Pakistan4.3
8Etiopia3.9
9Malawi3.7
10Niger3.5

Raccomandato

Animali delle montagne dell'Atlante
2019
Cosa significano i colori e i simboli della bandiera dell'ASEAN?
2019
Prima guerra mondiale: fatti e informazioni
2019