Paesi con i peggiori sistemi di istruzione

La spesa pubblica per l'istruzione come parte del PIL è un indicatore dell'importanza che le nazioni attribuiscono all'istruzione nelle loro considerazioni di bilancio. Questa cifra viene raggiunta sommando il totale di tutte le spese governative per scopi educativi, sia pubblici che privati. Questo non è limitato ai servizi di istruzione, ma include anche tutti i servizi accessori forniti per gli studenti, e possono essere incluse anche le disposizioni per le ricerche svolte dagli istituti di istruzione. Senza dubbio, un'elevata enfasi sulla realizzazione di spese per l'istruzione indica la crescita socioeconomica, in quanto migliora lo sviluppo di tutti gli aspetti della società e contribuisce alla diminuzione delle disuguaglianze sociali. Nondimeno, molti paesi hanno dimostrato una grande supervisione sottovalutando l'importanza dell'istruzione, e quindi non riescono a investire adeguatamente nelle loro infrastrutture educative.

Disparità economica nella Guinea equatoriale

Il Paese con le spese di istruzione più basse rispetto al PIL, secondo il World Factbook dell'Agenzia per la Central Intelligence Agency (CIA), è la Guinea equatoriale, con un budget educativo di appena lo 0, 6% del PIL. Questa cifra è particolarmente bassa se si considera che il PIL pro capite del paese è molto più alto di quello di tutti i suoi vicini africani subsahariani. Sebbene il sistema educativo sia pensato per essere migliore in un paese con un PIL così alto, il governo è spesso criticato per le pratiche di spesa controverse e l'ineguaglianza di reddito è piuttosto alta. La mancanza di investimenti nel sistema educativo ha portato a scuole sovrappopolate e con personale insufficiente, con scarsi materiali didattici e insegnanti che si lamentano di non ricevere i loro stipendi. Anche se la frequenza scolastica è obbligatoria per tutti i bambini tra i 6 ei 18 anni, le leggi in materia di istruzione obbligatoria non sono applicate dal governo. Il risultato è che oltre un quarto dei bambini iscritti non frequenta la scuola. Oltre a ciò, vi è una discriminazione dilagante nei confronti delle donne per quanto riguarda le opportunità di istruzione, che contribuisce ad una prevalenza di analfabetismo del 27% tra le donne di età superiore ai 15 anni. A causa delle cattive condizioni delle scuole pubbliche, il numero di scuole private tende ad aumentare, ma i problemi con i finanziamenti persistono e l'espansione della popolazione giovanile sta solo aumentando l'onere.

Conflitto etnico in Birmania

La Birmania (Myanmar) è al secondo posto tra i paesi con la più bassa spesa per l'istruzione come parte del PIL, con un bilancio educativo dello 0, 8% del PIL. Qui, un regime militare ha portato a un sistema educativo inefficiente, in cui l'istruzione post-secondaria è praticamente inesistente. Ancora più preoccupante, la povertà radicata rappresenta un'altra grande barriera quando si tratta di accedere anche alle scuole primarie e secondarie. I tagli al budget effettuati dal governo a scopi sociali in generale hanno portato ad un incremento dei costi che ogni famiglia deve pagare per i propri figli per ricevere un'istruzione, poiché i mezzi principali per finanziarli sono passati da tasse a pagamenti diretti e donazioni di beneficenza. Il conflitto etnico ha reso particolarmente difficile per i bambini appartenenti a gruppi di minoranze etniche frequentare la scuola in Birmania. Nel tentativo di infondere agli studenti valori "birmani" ideali, il governo tende a limitare le capacità delle minoranze di utilizzare il sistema scolastico. Circa tre quarti dei bambini birmani abbandonano la scuola prima di raggiungere il quinto grado.

Istruzione sottofinanziata nella Repubblica Centrafricana

La Repubblica Centrafricana (CAR) è un altro paese in cui il sistema educativo è doloroso rispetto alle norme globali. Le spese del governo per l'istruzione sono solo l'1, 2% del PIL, che si traduce in un sistema di istruzione povero, con la chiusura di scuole, gli insegnanti che non sono retribuiti e gli studenti privi di materiale didattico si verificano troppo spesso. Questi fattori hanno contribuito a tassi di frequenza molto bassi anche tra gli studenti. Il sistema scolastico CAR ha un disperato bisogno di riabilitazione e una migliore fornitura di materiale didattico e didattico per gli studenti, ma le costanti delocalizzazioni tra la sua popolazione e la debole infrastruttura e la sicurezza del paese rappresentano ostacoli significativi che sfidano il progresso di tali iniziative.

Notevoli altri e il paradosso di Monaco

Altri paesi con le spese educative più basse come parte del PIL sono lo Zambia (1, 3%), Monaco (1, 6%), Sri Lanka (2%) e Georgia (2, 7%). Monaco e il Liechtenstein sono notevoli eccezioni tra i paesi discussi nell'articolo, in quanto questi paesi hanno in realtà sistemi educativi forti incentrati sul successo degli studenti. In questi casi, le spese per l'istruzione relative al PIL sono basse solo perché il paese ha un PIL pro capite molto alto.

Girandolo intorno

I governi di tutto il mondo dovrebbero apprezzare che un forte sistema educativo è il fondamento su cui poggia una società forte. Investire nell'istruzione garantirà un futuro migliore per i paesi nel loro complesso, poiché il rispetto dei diritti umani fondamentali spesso inizia dal basso verso l'alto, in cui migliorare la posizione dei bambini, a scuola e altrove, è un ottimo punto di partenza. Proprio come hanno dimostrato altri paesi, i paesi che fanno la nostra lista possono migliorare la loro posizione globale deviando sempre più risorse verso l'educazione delle loro popolazioni.

Spese di istruzione rispetto al PIL, per paese

  • Visualizza le informazioni come:
  • Elenco
  • Grafico
RangoNazionePercentuale del PIL speso per l'istruzione
1Guinea Equatoriale0, 7%
2Myanmar0, 8%
3Repubblica Centrafricana1, 2%
4Zambia1, 3%
5Emirati Arabi Uniti1, 3%
6Monaco1, 6%
7Libano1, 6%
8Liberia1, 9%
9Sri Lanka2, 0%
10l'Eritrea2, 1%
11Liechtenstein2, 1%
12Guinea-Bissau2, 1%
13Repubblica Dominicana2, 2%
14Libia2, 3%
15Iraq2, 3%
16Pakistan2, 4%
17Zimbabwe2, 5%
18Qatar2, 5%
19Antigua e Barbuda2, 5%
20Repubblica Democratica del Congo2, 5%
21Chad2, 6%
22Perù2, 6%
23Cambogia2, 6%
24Sierra Leone2, 7%
25Georgia2, 7%

Raccomandato

Animali delle montagne dell'Atlante
2019
Cosa significano i colori e i simboli della bandiera dell'ASEAN?
2019
Prima guerra mondiale: fatti e informazioni
2019