Paesi che esportano il cibo minimo in tutto il mondo

Mancanza di infrastrutture e disordini politici Ridurre al minimo l'esportazione di cibo

Uno degli obiettivi più importanti di ogni paese che mira alla crescita economica sta aumentando la sua produzione agricola. Questo non è solo per garantire il proprio approvvigionamento alimentare, ma anche per aumentare i loro redditi nazionali annuali. Nelle nazioni ricche come quelle dell'Europa occidentale, del Canada e degli Stati Uniti, vaste aree di terra fertile vengono coltivate anno dopo anno e importanti componenti infrastrutturali, come le strade su cui spedire i prodotti agricoli e le forniture, sono altamente sviluppate e ben sviluppate. mantenuto. Questo è l'opposto in paesi come la Libia e la Repubblica Centrafricana, che si sono classificati tra i più bassi a livello mondiale nel valore delle esportazioni alimentari nel 2014. Diamo uno sguardo speciale ad alcuni dei diversi ambienti che presentano le proprie sfide uniche nella produzione e nell'esportazione di cibo .

Turbolenze politiche nella Repubblica Centrafricana

La Repubblica Centrafricana è classificata come uno dei paesi meno sviluppati del mondo ed è piena di povertà e disordini politici. La metà del suo PIL nazionale è ottenuta dal settore agricolo, con i principali prodotti alimentari composti da arachidi, miglio, mais, piantaggine, manioca, sorgo e sesamo. Il cotone, il tabacco e il caffè sono le principali colture in contanti esportate dal paese, mentre il legname è responsabile del 16% del suo reddito da esportazione. L'industria dei diamanti, d'altra parte, rappresenta la maggior parte del resto, comprendendo un enorme 54% delle esportazioni totali.

Tuttavia, l'attività economica nella Repubblica Centrafricana ha registrato un leggero aumento nel 2014. Ciò è avvenuto nonostante lo scarso sviluppo dei mercati del lavoro e la mancanza di applicazione delle politiche del lavoro. I progressi incoraggianti possono essere attribuiti alla reintegrazione del principale corridoio stradale dentro e fuori la capitale e la più grande città della CAR, Bangui. Ancora più importante, la strada consente il trasporto e le transazioni commerciali tra la città e Douala in Camerun. Un ulteriore sviluppo è atteso nei prossimi due anni poiché la situazione della sicurezza e le relazioni con l'estero continuano a migliorare.

Il settore petrolifero domina la Libia

Il petrolio e il petrolio greggio rappresentano il 78% dei prodotti di esportazione della Libia. Ciò non sorprende, in quanto ha le maggiori riserve di petrolio in Africa e si colloca tra i più grandi al mondo. Non meno del 70% del PIL e il 90% delle entrate pubbliche sono attribuiti agli idrocarburi, mentre i principali partner di esportazione sono Cina, Francia, Italia e Germania. La Libia importa circa l'80% del cibo, principalmente a causa delle cattive condizioni del suolo e anche del clima più povero. Grano, bovini, soia, olive, datteri, verdure, orzo e arachidi sono tra i suoi principali prodotti agricoli.

Due paesi si combinano per rappresentare un quadro globale

In ciascuno di questi casi, vi sono forti fattori interni che portano a basse esportazioni di prodotti alimentari. In Libia, le condizioni ambientali li hanno spinti a porre l'accento sull'agricoltura da parte mentre perseguono prospettive economiche più lucrative altrove. Nella Repubblica Centrafricana, la mancanza di infrastrutture e l'instabilità politica lasciano pochi canali vitali per esportare merci agricole, nonostante il settore che domina la forza lavoro lì. Da questi due casi, otteniamo una buona immagine dei motivi più comuni sul motivo per cui le nazioni che esportano i valori più bassi nelle esportazioni alimentari hanno guadagnato tale distinzione.

Paesi che esportano il cibo minimo in tutto il mondo

  • Visualizza le informazioni come:
  • Elenco
  • Grafico
RangoNazioneEsportazioni alimentari (USD)
1Repubblica Centrafricana$ 142.274
2Libia$ 305.371
3Antigua e Barbuda$ 1.608.880
4Palau$ 2.874.627
5Kiribati$ 3.128.153
6Dominica$ 4.348.880
7Iraq$ 7.945.947
8Qatar$ 8.335.927
9Sao Tome e Principe$ 10.183.796
10Samoa$ 11.546.342
11tonga$ 12.999.735
12Gambia$ 19.694.667
13Saint Vincent e Grenadine$ 35.976.526
14Haiti$ 37.810.000
15Bhutan$ 38.210.597
16Mongolia$ 40.899.380
17Brunei Darussalam$ 40.968.250
18Venezuela$ 41.848.421
19Gabon$ 47.837.902
20Isole Salomone$ 62.928.609
21Cabo Verde$ 69.343.405
22Suriname$ 69.898.065
23Bahamas$ 72.198.370
24Burundi$ 80.329.476
25afghanistan$ 82.702.463

Raccomandato

L'hotspot della biodiversità di Wallacea
2019
Quanti tipi di pianure ci sono nella geografia?
2019
Qual è l'Iditarod?
2019