Mercati globali per prodotti agricoli biologici

L'agricoltura biologica produce colture e bestiame senza l'uso di fertilizzanti chimici sintetici e pesticidi, antibiotici o organismi geneticamente modificati. È inoltre finalizzato allo sviluppo di un sistema olistico di produzione che consideri la salute dell'intero ecosistema, comprese le persone, secondo gli standard biologici canadesi.

5. Le materie prime organiche più ampiamente negoziate

I prodotti biologici più importanti oggi sono i cereali, in particolare il riso. Importanti sono anche i cereali biologici come grano, orzo, avena, mais, segale e triticale, frutta temperata (arance, limoni, lime, uva, pomelo, mandarini, mela, albicocche, pere, prugne e pesche), vino, frutta tropicale e subtropicale (mango, avocado e banane), verdure (piselli e fagioli freschi, insalate a foglia verde e frutta), caffè, tè, cacao, erbe e spezie, frutta secca e noci. Tra le fibre, il cotone ha la maggiore quota nella produzione biologica.

4. Principali paesi produttori di beni agricoli biologici

I maggiori produttori di cereali biologici sono India, Cina, Stati Uniti, Canada, Italia, Austria, Svezia, Estonia e Bolivia. I semi oleosi biologici provengono da Cina, India, Kazakistan, Stati Uniti, Ucraina e Canada. Gli impulsi secchi sono prodotti in Svezia, Francia, Spagna, Canada, Italia, Lituania e Germania.

I principali produttori di agrumi biologici sono l'Italia, il Messico e la Cina. I frutti temperati provengono da Polonia, Cina, Stati Uniti, Italia, Turchia e Francia. I frutti tropicali provengono da Messico, Repubblica Dominicana, Cina e Turchia. L'80% delle uve proviene da Europa, Spagna, Italia e Francia.

Le verdure biologiche sono prodotte principalmente negli Stati Uniti, in Messico, in Polonia e in Italia. L'80% delle olive biologiche sono prodotte in tre paesi: Spagna e Italia in Europa e Tunisia in Nord Africa.

I paesi latinoamericani della Repubblica Dominicana, del Perù e del Messico producono l'88% del cacao biologico a livello globale, con i paesi dell'Ecuador, del Ghana e dell'Uganda tra gli altri importanti produttori. Il caffè viene dal Nepal, Timor Est, Bolivia, Messico, Etiopia e Perù. La Cina, l'India e lo Sri Lanka sono i principali produttori di tè biologico, con il 70% di tè coltivato nella coltivazione tradizionale biologica in Cina.

Il cotone organico è prodotto in venti paesi e i maggiori contributori sono India, Siria, Cina, Turchia, Stati Uniti, Tanzania, Egitto e Mali.

3. I mercati più grandi per i prodotti agricoli biologici

Secondo il rapporto del 2016 di Organics International, solo gli Stati Uniti rappresentano il 43% delle vendite globali organizzate al dettaglio, e i 28 paesi dell'Unione europea rappresentano complessivamente il 38%. I dieci paesi con le maggiori quote di mercati biologici, in ordine decrescente, sono Stati Uniti d'America, Germania, Francia, Cina, Canada, Regno Unito, Italia, Svizzera, Svezia e Austria.

2. Proiezione della crescita regionale e globale nel futuro dei mercati biologici

La domanda globale di alimenti e bevande biologici ha raggiunto gli 80 miliardi di dollari all'anno entro il 2014. Solo negli Stati Uniti le vendite di alimenti biologici sono raddoppiate a $ 36 miliardi nel 2014 in sette anni, secondo la Organic Trade Association. Frutta e verdura erano le materie prime principali, seguite dai mangimi per latticini. Nell'altra grande regione europea, anche la domanda di prodotti biologici sta crescendo rapidamente. Le vendite sono raddoppiate in dieci anni a $ 26, 83 miliardi nel 2014, con un aumento del 7, 6% dal 2103 al 2014. La maggior parte dei produttori che sono in via di sviluppo consumano sfortunatamente poco dei loro prodotti biologici, poiché sono principalmente destinati all'esportazione.

1. Regolamento del mercato internazionale

Organics International, o Federazione internazionale dei movimenti dell'agricoltura biologica (IFOAM), come era noto fino al 2015, è l'unica organizzazione ombrello globale per l'agricoltura biologica nel mondo. Nel 2016, vanta di avere più di 800 membri provenienti da 100 paesi. Sviluppa standard biologici e promuove la coltivazione e il commercio biologici. Ha anche il proprio programma di certificazione.

Non esistono standard globali comuni per la certificazione delle materie prime biologiche. La certificazione è necessaria per assicurare ai consumatori questo mercato di qualità essenzialmente globale e prevenire le frodi, mentre i produttori beneficiano di prezzi migliori e accesso ai mercati. Negli Stati Uniti, in Europa, in Giappone e in Canada, l'etichetta "biologico" è disponibile solo su certificazione. Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti riconosce 80 agenti di certificazione, di cui 48 provengono dagli Stati Uniti e seguono gli standard USDA, mentre il resto segue gli standard nei rispettivi paesi. Le normative dell'Unione Europea (UE) controllano l'agricoltura, la produzione, il commercio e l'etichettatura di prodotti biologici. I prodotti non alimentari possono avere i propri programmi di certificazione, come quelli per le fibre organiche che sono certificati per gli standard di approvvigionamento da Organic Exchange (OE) Blended o OE 100 standard e Global Organic Textile Standard (GOTS).

Raccomandato

Qual è la cultura della Guinea-Bissau?
2019
Credenze religiose in Indonesia
2019
Cos'è il fordismo?
2019