Le riserve di petrolio più grandi del mondo per paese

La volatilità dei prezzi del petrolio negli ultimi dieci anni ha creato molta preoccupazione sia per gli uomini d'affari, sia per i governi nazionali, sia per i politici globali. Con una tale incertezza nei prezzi, unita alle preoccupazioni ambientali mentre cresce l'appetito del mondo per i combustibili fossili, le domande se ci siano abbastanza riserve di petrolio per soddisfare la domanda e quali saranno le conseguenze della sua estrazione non sono mai state più pertinenti. Per gettare più luce su un argomento un po 'ambiguo, abbiamo profilato i dieci paesi con le più grandi riserve di petrolio al mondo per contribuire a mettere in prospettiva le loro posizioni nel panorama energetico. La volatilità dei prezzi del petrolio negli ultimi dieci anni ha creato molta preoccupazione per i governi e i responsabili politici a livello globale. Questa mancanza di certezza, unita alle preoccupazioni ambientali mentre il mondo cresce sempre più affamato di energia, la questione se ci siano abbastanza riserve di petrolio per soddisfare la domanda e quali saranno le conseguenze non è mai stata più pertinente. Nel tentativo di gettare più luce in questo settore un po 'nebuloso, abbiamo paesi profilati con le più alte riserve di petrolio al mondo. Questi sono i paesi le cui riserve di petrolio provate sono tra i primi 10 a livello globale.

10. Stati Uniti - 39.230 milioni di barili

Le riserve petrolifere degli Stati Uniti (USA) sono aumentate vertiginosamente negli ultimi anni a causa del maggiore utilizzo di metodi di perforazione non convenzionali che consentono l'estrazione di più petrolio e gas di scisto rispetto a quanto precedentemente possibile. Come risultato di queste trivellazioni, specialmente di fracking e orizzontali, le riserve statunitensi hanno superato i 36.000 milioni di barili nel 2012 per la prima volta dal 1975. Ancora, le provate riserve petrolifere statunitensi sono solo una piccola parte delle riserve dei leader mondiali del petrolio come il Venezuela, Arabia Saudita Arabia e Canada.

9. Libia: 48.363 milioni di barili

La Libia ha le maggiori riserve di petrolio in Africa e la nona a livello mondiale. Ha il potenziale di avere una riserva di combustibili fossili maggiore di quella che conosciamo attualmente, in quanto rimane in gran parte inesplorata a causa delle passate sanzioni contro compagnie petrolifere straniere. Il petrolio libico ha rappresentato il 98% delle entrate del governo nel 2012 ma, a causa della recente instabilità politica, il potere della Libia come produttore di petrolio è stato notevolmente ostacolato. Alla fine, si prevede che le riserve petrolifere non sfruttate promuoveranno maggiori investimenti economici man mano che la situazione politica si stabilizzerà.

8. Russia: 80.000 milioni di barili

La Russia è un paese pieno di risorse naturali per l'uso di energia, in particolare le enormi riserve di petrolio del paese sotto le vaste pianure siberiane. La produzione petrolifera russa è diminuita notevolmente dopo il crollo dell'ex Unione Sovietica, ma il paese ha rinnovato la produzione negli ultimi anni. La nazione potrebbe incrementare ulteriormente le sue riserve di petrolio e gas in futuro, mentre l'esplorazione continua sotto le sue riserve di acque artiche e ghiaccio.

7. Emirati Arabi Uniti: 97, 800 milioni di barili

Gli Emirati Arabi Uniti (Emirati Arabi Uniti) forniscono la maggior parte del loro petrolio dal giacimento di Zakum, che ha una stima di 66 milioni di barili, diventando il terzo giacimento petrolifero più grande della regione, dietro solo Ghawar Field (Arabia Saudita) e Burgan Field (Kuwait) . Circa il 40% del PIL del paese si basa sulla produzione di petrolio e gas e, dalla sua scoperta nel 1958, ha permesso agli Emirati Arabi Uniti di diventare uno stato moderno con un alto tenore di vita.

6. Kuwait: 101.500 milioni di barili

Mentre un piccolo paese in termini di superficie, il Kuwait detiene più di una buona parte delle riserve mondiali di petrolio. Più di 5 miliardi di riserve si trovano all'interno della zona neutrale saudita-kuwaitiana che il Kuwait condivide con l'Arabia Saudita, mentre oltre 70 milioni di barili di petrolio del Kuwait sono nel campo di Burgan, il secondo giacimento petrolifero più grande del mondo.

5. Iraq - 142.503 milioni di barili

Nonostante le situazioni politiche traballanti nella sua recente storia, il paese dell'Iraq si trova su alcune delle più vaste riserve mondiali di petrolio greggio. Di fatto, a causa dei disordini civili e delle occupazioni militari che hanno caratterizzato la scena nazionale negli ultimi decenni, non è stato possibile effettuare alcuna significativa esplorazione delle riserve petrolifere dell'Iraq. Di conseguenza, anche i dati utilizzati per determinare la classifica globale delle partecipazioni petrolifere dell'Iraq hanno almeno trent'anni e si basano su indagini sismiche 2D. Tuttavia, un periodo di relativa calma negli ultimi due anni ha dato maggiori speranze per lo sviluppo delle infrastrutture petrolifere del paese.

4. Iran - 158.400 milioni di barili

L'Iran ha quasi 160.000 milioni di barili di riserve petrolifere comprovate, rendendolo considerevolmente ricco in termini di risorse petrolifere globali. Osservando le riserve più facilmente accessibili (escludendo molte delle riserve non convenzionali e difficili da estrarre in Canada), l'Iran cade proprio dietro il Venezuela e il Regno dell'Arabia Saudita.

Il petrolio in Iran è stato prodotto per la prima volta nel 1908 e, al ritmo attuale di estrazione, il petrolio iraniano durerà quasi 100 anni in più. A differenza del petrolio saudita, che si sviluppa in alcuni campi petroliferi enormi e molto ricchi, il petrolio iraniano si trova in quasi 150 giacimenti di idrocarburi, molti dei quali hanno sia petrolio greggio sia gas naturale.

3. Canada: 169, 709 milioni di barili

Il Canada ha quasi 170.000 milioni di barili di riserve petrolifere comprovate, la cui proporzione più significativa è rappresentata dai depositi di sabbie bituminose nella provincia di Alberta. Inoltre, la maggior parte delle riserve di petrolio convenzionalmente accessibili del paese si trovano in Alberta.

Poiché estrarre il petrolio dalla grande maggioranza delle riserve petrolifere canadesi è un processo laborioso e ad alta intensità di capitale, la produzione tende a venire in esplosioni sporadiche piuttosto che in flussi costanti. Le compagnie petrolifere, quindi, iniziano prima con l'estrazione di oli a più bassa densità e alto valore e indirizzando i loro sforzi verso l'estrazione di depositi di greggio solo in periodi di prezzi elevati delle materie prime.

2. Arabia Saudita - 266.455 milioni di barili

Il Regno dell'Arabia Saudita è stato per molti decenni considerato lo stato moderno più iconico dell'equazione degli oli per l'opulenza e l'influenza nella politica globale. Tuttavia, l'Arabia Saudita non è più il leader mondiale nel potenziale petrolifero.

Mentre i 266.455 milioni di barili di riserve provate di petrolio dei sauditi sono marginalmente più piccole di quelle del Venezuela, tutto il petrolio saudita è in pozzi petroliferi convenzionalmente accessibili all'interno di grandi giacimenti petroliferi. Inoltre, le riserve dell'Arabia Saudita sono considerate come costituite da un quinto delle riserve convenzionali dell'intero globo. Ci sono molti che credono anche che, con ulteriori esplorazioni, l'Arabia Saudita supererà il Venezuela ai vertici della classifica delle partecipazioni petrolifere. Ad esempio, l'US Geological Survey stima che ci siano oltre 100.000 milioni di barili che giacciono nascosti sotto le aride sabbie dei deserti sauditi.

1. Venezuela - 300, 878 milioni di barili

Con 300, 878 milioni di barili di riserve comprovate, il Venezuela ha la più grande quantità di riserve di petrolio provate al mondo. Il petrolio del paese è una scoperta relativamente nuova. In precedenza, l'Arabia Saudita aveva sempre detenuto la posizione numero uno.

I depositi di sabbia petrolifera in Venezuela sono simili a quelli in Canada. Il Venezuela vanta anche molti depositi di petrolio convenzionali. Le sabbie bituminose in Venezuela dell'Orinoco sono significativamente meno viscose di quelle canadesi, quindi le sabbie bituminose possono essere estratte utilizzando metodi convenzionali di estrazione petrolifera, offrendo un vantaggio considerevole rispetto al rivale nordamericano in termini di requisiti di capitale e costi di estrazione.

Paesi con la più grande riserva di petrolio comprovata

RangoNazioneRiserve (milioni di barili), 2017 US EIA
1Venezuela300.878
2Arabia Saudita266.455
3Canada169.709
4Mi sono imbattuto158.400
5Iraq142.503
6Kuwait101.500
7Emirati Arabi Uniti97.800
8Russia80.000
9Libia48.363
10stati Uniti39.230
11Nigeria37.062
12Kazakistan30.000
13Cina25.620
14Qatar25.244
15Brasile12.999
16algeria12.200
17angola8273
18Ecuador8273
19Messico7640
20Azerbaijan7.000

Raccomandato

L'hotspot della biodiversità di Wallacea
2019
Quanti tipi di pianure ci sono nella geografia?
2019
Qual è l'Iditarod?
2019