Le prime 10 nazioni produttrici di tè del mondo

Mentre il caffè potrebbe sembrare la bevanda "da non perdere" per chi cerca una bevanda calda, il mondo gira davvero sul tè. A parte l'acqua, il tè è la bevanda più popolare al mondo, e solo negli Stati Uniti le importazioni di tè sono aumentate di oltre il 400% dal 1990.

Popolare per migliaia di anni, si ritiene che il tè abbia avuto origine in Cina come bevanda medicinale. Nel diciassettesimo secolo, si è diffuso nel Regno Unito, stabilendo il suo controllo - e, a giudicare dall'istituzione culturale britannica che è la "cuppa", ha ovviamente mantenuto la sua popolarità. La Cina produce più tè di qualsiasi altro paese al mondo, seguito da India e Kenya.

Con una domanda così elevata, è comprensibile che il tè debba essere prodotto su scala di massa e in tutto il mondo in luoghi diversi, al fine di soddisfare le crescenti esigenze delle piante necessarie per produrre diverse varietà. Basate sulle statistiche dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura per la produzione globale dal 1993 al 2013, ecco le 10 nazioni che producono il tè più importanti al mondo.

10 - Bangladesh (81.850 tonnellate)

Il clima caldo e afoso del Bangladesh è adatto alla produzione di tè. Il paese ha più di 150 piantagioni di tè, principalmente nella parte settentrionale e orientale del paese. Più di 300.000 persone lavorano in queste piantagioni di tè. La produzione di tè in Bangladesh è aumentata costantemente negli ultimi anni. Poiché il tè del Bangladesh raccoglie notorietà in tutto il mondo, si prevede che la produzione aumenterà ulteriormente.

9 - Iran (100.580 tonnellate)

Fino alla fine del XV secolo, la bevanda calda preferita dell'Iran era il caffè, tuttavia la sua posizione lontana dai principali paesi produttori di caffè significava che i fagioli erano difficili da ottenere. Il tè era molto più facile da ottenere in Iran, grazie al collegamento commerciale via terra con la Cina soprannominata la "via della seta".

Il tè divenne sempre più popolare e nel 1882 con semi ottenuti dall'India, gli iraniani iniziarono a coltivare il tè nella loro stessa nazione, guidati dal principe Mohammad Mirza, il primo sindaco di Teheran, noto anche come "Kashef al Saltaneh".

Saltaneh, che era ambasciatore iraniano in India sotto il dominio britannico, sapeva che gli inglesi avrebbero tenuto segreti i loro segreti di produzione del tè sotto chiave, perché era una delle loro principali attività in India. Saltaneh andò sotto copertura come manovale francese in India, lavorando nelle piantagioni per apprendere tutti i segreti commerciali e poi riportando alcuni campioni in Iran. Li ha piantati nella regione iraniana di Gilan e l'industria del tè è iniziata. Oggi ci sono 32.000 ettari di piantagioni di tè, la maggior parte dei quali si trova sulle colline.

9 - Myanmar (104.743)

Anche se il paese dell'Asia meridionale del Myanmar è stato in prima linea nelle controversie degli ultimi anni quando è stata trovata una tintura dannosa nel tè prodotto nel paese. Tuttavia, grazie a una nuova generazione di pratiche di agricoltura biologica, il tè del Myanmar sta riscuotendo popolarità negli ultimi anni. Gran parte del tè coltivato in Myanmar è coltivato nello Stato Shan del paese, che confina con la Cina.

7 - Indonesia (139.362 tonnellate)

Gli indonesiani iniziarono la produzione del tè nel 1700, essendo stati introdotti alla coltivazione attraverso il colonialismo olandese. La cultura del tè non decollò con i locali nello stesso modo in cui lo fece con altri produttori coloniali. Nel 2017 l'Indonesia ha prodotto 139.362 tonnellate, gran parte delle quali sono state esportate dal paese.

La produzione indonesiana si concentra prevalentemente sul tè nero, anche se vengono prodotte piccole quantità di verde. Inoltre, molte varietà coltivate qui non sono ben note a livello globale, in quanto gran parte del raccolto indonesiano è utilizzato in miscele; mescolato con altri tè.

6 - Turchia (234.000 tonnellate)

Nel 2017, la Turchia ha prodotto 234.000 tonnellate di foglie di tè. Sorprendentemente, quasi tutta la coltura coltivata in Turchia viene prodotta in una piccola regione situata vicino alla città di Rize. Il clima umido, la topografia e la vicinanza al Mar Nero creano condizioni ideali di crescita.

La Turchia produce principalmente tè nero, noto anche come tè turco, così come il tè Rize. Mentre il caffè turco è famoso in tutto il mondo, anche la cultura del tè in Turchia è forte, e c'è un modo molto specifico di farlo. Tradizionalmente, il tè turco viene preparato in un samovar (caldaia autonoma), creando un infuso concentrato, che viene diluito con acqua quando viene servito.

In che modo la Turchia mantiene un'industria così forte nonostante non produca varietà particolarmente insolite? Principalmente, il loro mercato interno è protetto con una tariffa di importazione molto alta del 145% sui tè stranieri.

5 - Vietnam (260.000 tonnellate)

La produzione di tè in Vietnam iniziò nel 1880, quando i francesi svilupparono la prima piantagione a Pho Tho. L'industria si espanse rapidamente, e nel giro di 50 anni i vietnamiti stavano esportando il loro prodotto in Europa e in Africa. La storia è intervenuta durante la guerra del Vietnam quando l'industria del tè del Vietnam era comprensibilmente stagnante. Negli anni '80 la produzione vietnamita vide una rinascita e nel 2017 producevano 260.000 tonnellate di tè all'anno.

L'industria vietnamita del tè ha sia aziende di grandi dimensioni con moderne tecnologie e macchinari, sia piccoli produttori indipendenti che producono quantità limitate di tè artigianali. Le varietà prodotte sono diverse: circa il 60% del tè prodotto in Vietnam è il tè nero a strappo, il 35% è verde e il 5% altre varietà speciali come il tè di loto o di gelsomino. Il Vietnam ha anche alcune varietà speciali come Shan Tuyet, un tè ricavato da alberi indigeni che si trovano solo in aree limitate del paese.

4 - Sri Lanka (349.699 tonnellate)

Nel 1867, la piantatrice britannica James Taylor iniziò una piantagione di tè nella città dello Sri Lanka di Kandy. Di soli 19 acri, ha lentamente coltivato la piantagione e l'industria nel suo complesso, con le sue esportazioni di Ceylon che hanno attirato l'attenzione dello scrittore "Sherlock Holmes" Sir Arthur Conan Doyle. L'industria è passata dalla trama originale a oltre 188.175 ettari oggi, e la produzione di tè è ora una delle più grandi industrie della nazione insulare, impiegando oltre un milione di lavoratori dello Sri Lanka.

Il tè dello Sri Lanka è prodotto con il metodo di semina dei contorni, in cui i cespugli sono piantati in linee che seguono i contorni della terra. Lo Sri Lanka, la nazione precedentemente nota come Ceylon, produce tre varietà principali: il tè bianco di Ceylon, il verde di Ceylon e il tè bianco di Ceylon.

3 - Kenya (439, 857 tonnellate)

A differenza di molte altre nazioni che producono grandi quantità di tè, il Kenya non ha molte grandi piantagioni - circa il 90% del tè prodotto viene coltivato in piccole fattorie di meno di un acro. Si tratta di una vera impresa, considerando che questo progetto agricolo nazionale combinato ha permesso di creare 439.857 tonnellate.

Al fine di tenere il passo con la concorrenza, il Kenya ha spostato la sua attenzione verso l'innovazione, la ricerca e lo sviluppo nel settore. Sono diventati leader nello sviluppo di nuove varietà che crescono più abbondantemente e in grado di resistere meglio alle condizioni meteorologiche e ai tè artigianali mono-origine.

2 - India (1.325.050 tonnellate)

L'India è il secondo maggior produttore di tè al mondo, producendo in media 1.325.050 tonnellate all'anno.

L'industria commerciale iniziò dopo che la Gran Bretagna fu introdotta nel tè dalla Cina. La British East India Company ha iniziato a convertire terreni nella loro colonia est-asiatica appositamente per la produzione di tè. L'India produce grandi quantità, che è importante perché sono una nazione di oltre un miliardo di bevitori di tè, con oltre il 70% del tè prodotto nella nazione che viene consumato all'interno della nazione anziché esportato.

Uno dei tè più riconoscibili per il pubblico nordamericano sono le miscele speziate chai prodotte nell'India settentrionale, regolarmente consumate con il latte. Tuttavia, l'India produce anche esclusivamente le famose varietà Assam e Darjeeling.

1 - Cina (2.473.443 tonnellate)

La Cina è indiscutibilmente il più grande produttore di tè al mondo, producendo 2.473.443 tonnellate solo nel 2017 - una cifra che rappresentava circa il 30-35% della quantità totale prodotta nel mondo quell'anno.

Le sue forti capacità produttive non dovrebbero essere viste come una sorpresa, data la sua lunga storia con la bevanda - la leggenda narra che il tè fu introdotto in Cina dall'imperatore ed erborista Shennong nel 2737 aEV. È stato consumato come tutto, da una bevanda a una medicina, ed è al centro di innumerevoli riti culturali nella nazione.

Diverse varietà sono prodotte in Cina, tra cui tè verde, oolong, bianco, puer, giallo e gelsomino per citarne alcuni.

Le migliori 10 nazioni produttrici di tè del mondo

RangoNazioneTè prodotto (tonnellate)
1Cina2.473.443
2India1.325.050
3Kenia439.857
4Sri Lanka349.699
5Vietnam260.000
6tacchino234.000
7Indonesia139.362
8Myanmar104.743
9Mi sono imbattuto100.580
10Bangladesh81.850

Raccomandato

Chi sono i Kunama People?
2019
Le quattro isole maggiori delle isole Baleari
2019
Quali lingue sono parlate in Turchia
2019