Le più grandi minoranze etniche in Polonia

Mentre quasi il 98% della popolazione polacca si identifica come etnia polacca, migliaia di altre persone chiamano la casa del paese. Il censimento polacco del 2011 ha rilevato che l'1, 44% dei 39 milioni di polacchi sono discendenti di antenati diversi. I principali gruppi di minoranze etniche riconosciuti dal governo polacco sono tedeschi, bielorussi, ucraini, lemko, rom e gli ebrei etnici. Il 39, 5% della maggioranza delle minoranze etniche vive in salesiano, il 28, 3% nel voivodato di Opolskie e l'11, 7% nel voivodato di Podlaskie. Le minoranze riconosciute in Polonia prendono lo 0, 3% della popolazione totale e sono di una sola etnia.

tedeschi

I tedeschi sono le più grandi minoranze etniche in Polonia con una popolazione di circa 49.000. Tuttavia, il numero è stimato essere più alto, ma il piccolo aumento è dovuto alla complicazione dell'identità multietnica e all'occultamento durante il regime comunista. La maggior parte della minoranza tedesca, il 92, 9%, vive nel Voivodato di Opole, dove esiste una traccia della lingua tedesca. Il caso è simile nelle scuole in cui nessuna scuola in Polonia è interamente tedesca, sebbene esistano alcune scuole di polacco tedesco. La maggior parte delle minoranze tedesche pratica il cattolicesimo romano e il protestantesimo luterano. I tedeschi iniziarono a migrare in Polonia durante il periodo medievale. Nel Medioevo il loro numero era considerevole nelle regioni dell'Alta Slesia, di Posen e di Pomerelia. Dopo la prima guerra mondiale, la maggior parte dei tedeschi luterani rimase ad est della linea di Curzon. Il numero diminuì durante la seconda repubblica polacca. I tedeschi etnici si schieravano con la Germania nel periodo prebellico e furono coinvolti nel massacro di 450000 polacchi ed ebrei durante il regno di Adolf Hitler.

bielorusso

I bielorussi sono il secondo gruppo etnico minoritario in Polonia con una popolazione di circa 37.000 nonostante affermi che il numero forse 3 o 4 volte superiore. La maggior parte di loro vive nel Voivodato di Podlaskie e il processo di assimilazione attivo alla cultura polacca negli ultimi decenni ha facilitato il declino. Alla fine del XVIII secolo, la Polonia prese il controllo di alcuni territori orientali dei ruteni, antenati dei bielorussi. Durante questo periodo molte persone furono polonizzate e persero l'identità bielorussa. Nel 1921, sotto la Seconda Repubblica Polacca, il loro numero era più di 1 milione. Hanno avuto un'influenza politica in gran parte nella camera bassa del Consiglio polacco. Le scuole operanti interamente in lingua bielorussa si sono aperte, ma dal momento che il governo non è riuscito a sostenerle, alla fine hanno chiuso. La mancanza di sostegno da parte del governo centrale ha portato a anni di oppressione da parte del governo polacco senza alcuna politica di protezione delle minoranze. Il polacco si allineò con il dominio nazista nelle regioni bielorusse, mentre l'Unione Sovietica eseguiva i rifugiati di guerra.

ucraino

La presenza di ucraini risale al tardo Medioevo. A quel tempo la Polonia governava la Galizia e la Volinia occidentale, che l'ucraino occupava. La dinastia polacca introdusse la cultura rutena e oppresse la fede ortodossa. Per anni gli ucraini furono oppressi e costretti ad assimilare lo stile di vita polacco. Questa annessione delle regioni dell'Ucraina ha facilitato la polanizzazione e le persone hanno perso la loro identità. Oggi il rapporto tra ucraini e polacchi è molto più calmo e coesistono pacificamente. Tuttavia, il governo polacco ha limitato la migrazione del gruppo delle minoranze nella regione. Anche così, gli ucraini hanno un facile accesso ai permessi di immigrazione anche se il loro numero è di circa 36.000.

Il Lemko della Polonia

Questo gruppo etnico di minoranza ha dovuto affrontare un momento difficile in Polonia. Prima del XX secolo, il Lemko viveva nel Lemkovyna, a sud-est del paese. Quando scoppiò l'era tra le due guerre, i Lemko furono costretti a identificarsi come ucraini o polacchi. Verso la fine della guerra, si verificò un equivoco, e il Lemko identificò come cooperative ucraine che portavano allo spopolamento massiccio di villaggi, disseminando quindi il Lemko. L'effetto è durato fino ad oggi. La dispersione del Lemko ha portato alla perdita della cultura. La paura del ridicolo di identificarsi come Lemko ha facilitato la perdita di cultura. Il fatto che una volta la comunità fosse divisa tra due nazionalità portò alla mancanza di un'identità nazionale; il polacco li assimilò rapidamente. Attualmente, il Commonwealth Poland protegge i diritti dei suoi cittadini. I diversi gruppi etnici convivono pacificamente l'uno con l'altro.

Le più grandi minoranze etniche in Polonia

RangoGruppo delle minoranze etnichePopolazione stimata nella Polonia contemporanea
1Tedesco49.000
2bielorusso37.000
3ucraino36.000
4Roma12.000
5russo8.000
6Ebreo etnico7.500
7Lemko

7.000

Raccomandato

Le città sacre dell'induismo
2019
Qual è la fonte del fiume Reno?
2019
Cos'è un clima tropicale?
2019