I più prolifici serial killer della storia

Gli assassini seriali sono stati la base per storie spaventose e trame cinematografiche che hanno perseguitato i sogni per anni. Ma chi sono queste persone e cosa significa essere un serial killer? Sono assassini che uccidono 3 o più persone per un periodo di tempo significativo e spesso fanno delle pause tra le vittime. Gli assassini seriali sono motivati ​​da diversi fattori: visionario (credendo che un dio o un demone stia dicendo loro cosa fare), orientato alla missione (credendo di curare o cambiare la società), edonistico (piacere assoluto dall'uccidere) e controllo del potere (capacità di esercitare il controllo sulla vittima). Convocare un serial killer è difficile per le forze di polizia perché è difficile collegare più omicidi a una persona in particolare se si verificano in più giurisdizioni o senza normali fattori motivanti. Di seguito sono riportati alcuni dei serial killer più prolifici della storia.

Deadliest Serial Killers

Harold Shipman

Harold Shipman è in cima a questa lista con 215 vittime provate tra il 1975 e il 1998. Un medico del Regno Unito, Shipman è stato originariamente sospettato di gioco scorretto quando un collega ha espresso preoccupazione per l'alto tasso di mortalità dei suoi pazienti, ma non c'erano prove sufficienti per dimostrare nulla . La maggior parte delle sue vittime erano donne anziane, uccise da iniezioni di diamorfina. Alla fine fu catturato dopo aver forgiato la volontà della sua ultima vittima e lasciato la sua proprietà nel suo nome. Due teorie suggeriscono che ha forgiato la volontà perché voleva o essere catturato o voleva andare in pensione presto al di fuori del Regno Unito. Al momento del suo processo, è stato riconosciuto colpevole di aver ucciso 15 pazienti e successivamente di altri 200. Si ritiene che abbia rubato gioielli costosi dalle sue vittime.

Luis Garavito

Il numero 2 della lista è Luis Garavito, colombiano, che ha ucciso 138 persone confermate. Garavito ha inseguito i poveri ragazzi di strada tra i 6 e i 16 anni offrendo loro piccoli regali per guadagnarsi la loro fiducia. Li avrebbe poi portati a fare una passeggiata fino a quando non si stancarono per torturare, stuprare e infine tagliargli la gola. Ha eliminato i corpi smembrandoli. Fu arrestato nell'aprile del 1999 dopo che un passante aveva sentito un ragazzo che chiedeva aiuto. I membri della comunità hanno chiamato la polizia e organizzato una squadra di ricerca. È stato catturato lo stesso giorno. In tribunale, ha confessato di aver stuprato, torturato e ucciso 147 giovani ragazzi. Lui stesso è stato vittima di abusi sessuali da bambino. Il giudice lo ha condannato a oltre 1.000 anni di carcere. Tuttavia, la Colombia ammette solo 50 anni al massimo e, poiché ha aiutato la polizia a trovare i corpi, la pena è stata ridotta a 22 anni e ha ottenuto il rilascio anticipato con un buon comportamento.

Pedro López

Pedro López è il prossimo nella lista per l'uccisione di 110 persone in Colombia, Ecuador e Perù negli anni '70. È cresciuto in Colombia e ha avuto un'infanzia difficile, piena di abusi e violenze sessuali. Passando a una vita da criminale, ha trascorso il suo primo periodo in prigione alla fine degli anni '60 per aver rubato automobili. La sua liberazione ha dato il via agli omicidi. Le sue vittime erano povere ragazze che avrebbe attirato in aree isolate per stuprare e uccidere. In Perù, fu catturato dalla comunità di Ayacucho quando tentò di rapire una ragazza e fu quasi sottomesso alla legge tribale quando un missionario convinse la comunità a chiamare la polizia. La polizia lo ha deportato in Colombia. Verso la fine degli anni '70, era in Ecuador, dove fu nuovamente catturato mentre cercava di rapire una ragazza da un mercato. Fu arrestato e non voleva collaborare. Un investigatore andò sotto copertura come compagno di prigione e alla fine ottenne le sue confessioni che portarono alla scoperta di 57 corpi. López ha affermato di aver ucciso altri 200 in Colombia e in Perù. Il 31 luglio 1981, fu condannato a 16 anni di prigione (la massima condanna in Ecuador all'epoca) e fu rilasciato dopo 14 anni per un buon comportamento. Fu deportato in Colombia dove le autorità stavano aspettando di processarlo per un altro omicidio. Durante il processo, è stato trovato pazzo e condannato a una struttura psichiatrica nel 1995. Tre anni dopo è stato dichiarato sano di mente e rilasciato. Da allora è scomparso anche se ci sono sospetti che sia collegato a un omicidio del 2002. Questi fatti sono riportati in un documentario basato sulla sua vita.

Altri serial killer con alti tassi di omicidi includono: Daniel Camargo in Colombia ed Ecuador (72), Pedro Rodrigues Filho in Brasile (71), Kampatimar Shankariya in India (70), Yang Xinhai in Cina (67), Abul Djabar in Afghanistan (65 ), Andrei Chikatilo nell'URSS (53) e Anatoly Onoprienko nell'URSS e in Ucraina (52).

Cattura serial killer

La maggior parte dei serial killer viene catturata quando qualcuno vicino a loro contatta la polizia. La polizia inizia quindi un'indagine che può portare a una confessione o ad altri simili omicidi non risolti o casi di persone scomparse. Altre volte, i serial killer vengono arrestati per un crimine diverso e durante le indagini legate agli omicidi. A volte, la vittima designata riesce a fuggire e contatta la polizia.

I più prolifici serial killer della storia

RangoNomeNazioneNumero comprovato di vittime
1Harold ShipmanRegno Unito215
2Luis GaravitoColombia138
3Pedro LópezColombia Ecuador Perù110
4Daniel CamargoColombia Ecuador72
5Pedro Rodrigues FilhoBrasile71
6Kampatimar ShankariyaIndia70
7Yang XinhaiCina67
8Abul Djabarafghanistan65
9Andrei ChikatiloURSS53
10Anatoly OnoprienkoURSS Ucraina52

Raccomandato

Le città sacre dell'induismo
2019
Qual è la fonte del fiume Reno?
2019
Cos'è un clima tropicale?
2019