I nostri cervelli sono ancora in evoluzione? Gli esseri umani diventano più intelligenti o più stupidi?

Una specie in continua evoluzione

Anche se la controversia sul modo in cui gli esseri umani sono venuti all'esistenza sulla Terra non apparentemente finirà presto, è un fatto indiscutibile che l'uomo presente ha subìto cambiamenti fisici significativi rispetto all'uomo primitivo. Gli storici hanno documentato le fasi dell'evoluzione dell'uomo e lo attribuiscono all'esigenza di soddisfare le esigenze di sopravvivenza della specie umana. Uno dei cambiamenti più documentati nell'evoluzione dell'uomo è il cambiamento delle dimensioni e della forma del cranio. Si pensa che l'uomo primitivo fosse creativo e intelligente. Ha scoperto il fuoco, la ruota, gli strumenti per la caccia e persino l'agricoltura durante la Rivoluzione Agraria. Il cambiamento delle dimensioni e della forma del cranio ha scatenato il dibattito sul fatto che il cervello umano si stia ingrandendo o restringendo, gli storici documentano che la forma del cranio è attribuita al cambiamento della forma delle mascelle e delle orbite. Anche se il cambiamento delle dimensioni del cervello in documentato, indica il cambiamento nel livello di intelligenza degli esseri umani, l'uomo sta diventando più intelligente di meno intelligente?

Meno sfide quotidiane per superare per sopravvivere nella modernità

A causa della breve durata della vita degli esseri umani e delle migliaia o persino milioni di anni necessari per rendere evidenti gli eventi evolutivi di una specie, non ci sono registrazioni scientifiche del quoziente intelligente (QI) nelle varie fasi dell'evoluzione dell'uomo. Tuttavia, attraverso le attività svolte dall'uomo giovane e presente, scienziati e storici hanno sollevato opinioni diverse sul tema dell'intelligenza umana. Secondo i ricercatori della Stanford University, gli esseri umani stanno diventando meno intelligenti perché i geni responsabili del potere cerebrale non mutano più per adattarsi alle condizioni di sopravvivenza. I ricercatori sostengono che i geni sono suscettibili alle mutazioni man mano che l'uomo si evolve, diventano meno importanti per la specie e vengono affrontati. Il team sostiene che l'uomo primitivo sviluppò il primo uomo sviluppò questi geni a causa del loro bisogno di sopravvivere a condizioni difficili e trovare soluzioni ai problemi, tuttavia, l'uomo moderno è proiettato a sviluppare caratteristiche fisiche per adattarsi al cambiamento piuttosto che all'intelligenza. I ricercatori affermano che nel momento in cui i geni sono completamente affrontati, l'uomo avrà trovato un'altra alternativa ai loro problemi come le soluzioni tecnologiche.

Fiduciosi corpi a venire?

Ricercatori dell'Università di Cambridge e della Cornell University, guidati dal Dr. John Sanford, sostengono che l'uomo primitivo era molto più superiore all'uomo presente in termini di abilità fisica e capacità, e che l'uomo futuro sarebbe ancora più debole di quello attuale. I ricercatori attribuiscono lo stato diminuito dell'umanità alle mutazioni genetiche e al passaggio di geni mutanti alla prossima generazione di specie. L'uomo primitivo aveva geni puri che l'uomo moderno e come evoluzione si sono verificati, i geni mutati per adattarsi ai cambiamenti, il numero di geni mutanti ha continuato a crescere man mano che l'uomo continua ad evolversi. Quando l'uomo adottò la tecnologia e la usò per semplificare il suo lavoro, aveva un fabbisogno fisico inferiore e i geni mutavano per adattarsi a un corpo meno fisico. Gli scienziati ritengono che il fisico umano inclusa la perdita della capacità mentale sia supportato da storici e archeologi che documentano che i resti dell'uomo primitivo erano molto più grandi di quelli dell'uomo presente. Gli scienziati dell'Università di Cambridge postulano che l'uomo di Cro-Magnon avesse un cervello e un fisico superiori rispetto all'uomo presente. La Rivoluzione Agraria, che è considerata il luogo di nascita della tecnologia moderna, è considerata una tappa cruciale nell'evoluzione dell'uomo. Gli archeologi e gli storici documentano che durante la rivoluzione agraria si è verificato un cambiamento significativo man mano che l'uomo è diventato meno mobile poiché ha optato per i prodotti agricoli come fonte di cibo rispetto alla caccia e alla raccolta che era più faticosa e pericolosa.

Prove per lo sviluppo cognitivo positivo continuo negli esseri umani

Altri ricercatori sostengono che gli esseri umani stanno diventando più intelligenti dei loro predecessori, e che l'uomo moderno è più intelligente e più informato rispetto agli inizi dell'uomo. Nel suo libro Are We Getting Smarter ?: L'aumento del QI nel ventunesimo secolo, James Flynn afferma che l'uomo moderno affronta una gamma più ampia di problemi e che ha sviluppato una gamma più ampia di abilità rispetto ai primi uomini. L'uomo moderno può risolvere più sfide in modo rapido ed efficiente rispetto al suo predecessore. Il cambiamento nel fisico umano è un processo evolutivo che andava al di là del controllo umano e che gli esseri umani si sono appena evoluti in una nuova e migliore specie. I suoi sedimenti sono distaccati da Cadell Last, un ricercatore presso il Global Brain Institute. Secondo Cadell, una nuova specie di uomo si sarà sviluppata entro il 2050. La transizione rivoluzionaria sarà equivalente alla transizione dell'uomo dalle scimmie agli esseri umani. L'uomo moderno si è evoluto per essere più consapevole di ciò che lo circondava e ha sviluppato abilità per rendere la sua vita più facile usando la tecnologia piuttosto che sviluppare abilità di sopravvivenza nel modo dei suoi predecessori. Postula postula che l'uomo si stia evolvendo verso un essere meno fisico a causa della mancanza di requisiti fisici e che, come nel caso della coda, alcuni organi umani come i genitali siano inclini a essere alterati perché la riproduzione sarà bassa a causa della riproduzione controllata mentre la popolazione globale aumenta. Cadell suggerisce che invece di sviluppare abilità di sopravvivenza, gli esseri umani stanno sviluppando abilità che consentono loro di sostituire le capacità umane, l'uomo vivrà più a lungo, partorirà in età molto avanzata e svilupperà corpi meno muscolosi.

Il transumanesimo

Cadell è distaccato da Mathew Hughes, uno sviluppatore e scrittore di software, quando afferma che la tecnologia ha trasformato gli esseri umani in esseri più intelligenti con capacità più avanzate. Dichiara che sta vivendo il Transumanesimo, un processo in cui l'uomo sta cercando di superare i suoi limiti e le sue capacità umane. Cita gli antichi racconti greci di Icaro e Dedalo che hanno costruito le ali per volare e li paragona all'uomo moderno che sta costruendo tecnologia per permettergli di superare le capacità umane. Il prof. Nayef Al-Rodhan della Yale University afferma che gli esseri umani si sono evoluti dal bisogno di sopravvivere al Transumanesimo a causa dello sviluppo dell'intelligenza umana. Man mano che l'uomo evolve, sviluppa diverse abilità che gli permettono di adattarsi al cambiamento. L'uomo primitivo sviluppò abilità per sopravvivere, mentre l'uomo moderno sta attivamente plasmando la propria evoluzione.

Raccomandato

Animali che iniziano con A
2019
Lago Kaindy - Luoghi unici in Kazakistan
2019
Le 10 città da tutto il mondo con i peggiori spostamenti
2019