Gruppi etnici principali dell'Ucraina

Dopo aver ottenuto l'indipendenza nel 1991, l'Ucraina è stata incaricata di unire le sue diverse regioni e di creare un'identità nazionale distinta. Poiché il paese ospita oltre un centinaio di diverse nazionalità, questo presenta alcune sfide complesse e significative.

Le divisioni etniche in Ucraina risalgono al periodo imperiale quando i confini regionali erano pesantemente contestati dalla Russia, dall'Austria-Ungheria e dal Commonwealth polacco-lituano. L'Ucraina sudorientale è stata storicamente popolata da russi etnici e ucraini di lingua russa, con stretti legami culturali ed economici con la Russia. Gran parte dell'Ucraina occidentale faceva parte di Asburgo Austria fino al 1918; mentre altre regioni sono state portate in Ucraina dopo la seconda guerra mondiale, e l'area mantiene forti legami con l'Europa.

Circa il 77, 5% della popolazione ucraina si identifica come ucraino etnico. Il secondo gruppo di nazionalità più grande sono i russi, che rappresentano il 17, 2% della popolazione. Altre nazionalità significativamente rappresentate includono romeni, bielorussi, tartari della Crimea, bulgari, ungheresi, polacchi, ebrei e armeni.

russo

La comunità russa in Ucraina si trova principalmente in Crimea. L'impero russo catturò e iniziò a colonizzare i territori in gran parte disabitati della steppa nell'ex Khanato di Crimea alla fine del XVIII secolo. La scoperta del carbone nel bacino dei Donets ha innescato un'industrializzazione su larga scala e un afflusso di lavoratori da altre parti dell'impero russo. Durante la guerra civile russa, l'Ucraina divenne un campo di battaglia tra l'esercito rosso comunista e i volontari monarchici. L'Ucraina divenne la Repubblica socialista sovietica nel 1992 e, in un trattato del 1997 tra i due paesi, la Russia accettò di riconoscere gli attuali confini dell'Ucraina.

rumeno

Nel 1918, Bucovina e Bessarabia furono uniti al Regno di Romania. La popolazione ucraina nella regione fu costretta a cambiare nome, lingua e scuole e istituzioni culturali ucraine furono chiuse. Dopo la guerra civile russa, l'area fu annessa dalla SSR ucraina. Un trattato del 1997 garantiva i diritti dei rumeni in Ucraina.

bielorusso

La maggior parte dei bielorussi è emigrata nell'SSR ucraino durante l'Unione Sovietica. A differenza della maggior parte degli altri gruppi etnici, sono distribuiti in modo abbastanza uniforme in tutto il paese. Secondo quanto riferito, i cittadini bielorussi sono stati divisi tra le due parti durante il recente conflitto in Ucraina.

Tataro di Crimea

I tartari della Crimea discendono principalmente dalle tribù turche emigrate nell'Europa orientale dalle steppe asiatiche dal X secolo in poi. L'intera popolazione fu deportata in Uzbekistan nel 1944. Oggi più di 250.000 tatari di Crimea sono tornati in patria, ora parte dell'Ucraina, e lottano per rivendicare il loro patrimonio, così come i diritti nazionali e culturali.

bulgaro

Molti bulgari si stabilirono nell'attuale Oblast di Odessa durante l'impero ottomano e dopo le guerre russo-turche nel XVIII e XIX secolo. L'area cambiò più volte di mano: divisa tra Russia e Romania, ceduta alla Russia nel 1878, riconquistata dalla Romania nel 1918, e poi divenne parte dell'Unione Sovietica.

ungherese

Il territorio dell'Ucraina di Zakarpattia era originariamente parte del Regno d'Ungheria. Conteso da Romania, Ucraina e Ungheria, è stato assegnato alla neo-costituita Cecoslovacchia prima di essere incorporato nella SSR ucraina. Un trattato del 1991 garantiva i diritti degli ungheresi in Ucraina, sebbene la doppia cittadinanza non sia ufficialmente riconosciuta.

polacco

Nei secoli XVI e XVII, la Polonia sponsorizzò la colonizzazione polacca su larga scala dell'Ucraina centrale e orientale. Dopo la caduta di Austro-Ungheria, la popolazione polacca si ribellò con successo contro il neo-formato governo ucraino occidentale. Durante l'era sovietica, i polacchi furono deportati in Siberia e una campagna di pulizia etnica fu effettuata dai nazionalisti ucraini.

ebraico

Le comunità ebraiche esistono in Ucraina da più di mille anni. Secondo il World Jewish Congress, la comunità ebraica in Ucraina costituisce la terza più grande comunità ebraica in Europa e la quinta più grande al mondo. Massacri e pogrom si svolgevano frequentemente nei secoli XIX e XX. La maggioranza ha lasciato l'Ucraina dopo la caduta del comunismo, ma l'antisemitismo continua ad essere problematico per la popolazione rimanente.

armeno

La popolazione armena in Ucraina è quasi raddoppiata dalla fine dell'Unione Sovietica. Mantengono ancora stretti legami con la Russia: il 50% sono madrelingua armeni, ma oltre il 43% parla russo e solo il 6% parla ucraino come prima lingua.

Le minoranze etniche portano in Ucraina un patrimonio culturale ricco e diversificato. Tuttavia, l'integrazione in un'Ucraina unita richiederà un'attenta pianificazione e attuazione delle politiche governative.

Gruppi etnici principali dell'Ucraina

RangoGruppo etnicoQuota della popolazione nazionale dell'Ucraina
1ucraino77, 5%
2russo17, 2%
3rumeno0, 8%
4bielorusso0, 6%
5Tataro di Crimea0, 5%
6bulgaro0, 4%
7ungherese0, 3%
8polacco0, 3%
9ebraico0, 2%
10armeno0, 2%

Raccomandato

Le città sacre dell'induismo
2019
Qual è la fonte del fiume Reno?
2019
Cos'è un clima tropicale?
2019