Fatti di influenza: malattie del mondo

Descrizione

L'influenza è una malattia infettiva causata da un attacco di un tipo specifico di virus della famiglia Orthomyxoviridae, che a sua volta comprende una mezza dozzina di generi di virus. Nell'uomo, i sintomi dell'influenza possono includere naso che cola, temperatura corporea elevata (febbre), tosse persistente, mal di testa e una sensazione generale di debolezza o indolenzimento. Attualmente, la maggior parte degli attacchi di influenza sono curabili in quelle comunità che hanno accesso basilare alla moderna assistenza sanitaria primaria. Gli attacchi generalmente durano meno di una settimana, anche se i sintomi possono portare a vari tipi di complicazioni potenzialmente letali, tra cui la polmonite virale e batterica, l'asma e persino l'insufficienza cardiaca.

Trasmissione

Il virus viene trasmesso attraverso l'aria, essendo esposto all'ambiente esterno tramite il trasporto di particelle dalla persona infetta tramite tosse o starnuti. La propagazione può anche avvenire toccando fisicamente una superficie infetta, come toccare il corpo o gli oggetti di una persona. Alcuni filoni possono anche essere diffusi tra diverse specie umane e animali.

A livello globale, l'influenza si è diffusa rapidamente nel periodo di crisi in mezzo a epidemie stagionali. Nelle regioni temperate e nei tropici superiori, tali epidemie si verificano tipicamente in inverno, con percentuali di infezione proporzionalmente più elevate in caso di umidità più elevata nell'atmosfera. Più vicino all'equatore, i focolai possono verificarsi in qualsiasi momento dell'anno. Lì, le epidemie sono collegate più con il livello di umidità che con la temperatura. Ogni anno da 3 a 5 milioni di persone sono gravemente infettate dall'influenza in tutto il mondo e le stime di morte variano tra 250.000 e 500.000 casi all'anno. Il calcolo della mortalità per influenza è complicato, in quanto le infezioni influenzali si verificano a seguito di vari altri tipi di complicanze. Le persone anziane muoiono più comunemente per complicazioni influenzali, in quanto sono in genere più spesso sofferenti con alcune altre malattie per cominciare a ridurre la loro capacità di recupero, specialmente quelle del cuore o dei polmoni.

In precedenza, si sono verificati focolai globali di influenza che sono stati definiti "pandemie" della malattia. La pandemia influenzale del 1918 del ceppo dell'influenza H1N1, che è stata chiamata "influenza spagnola", in realtà ha spazzato molte parti del mondo e ucciso tra 50 e 100 milioni di persone. L'estensione raggiunse praticamente tutti gli angoli abitati della terra, ovunque dai centri di popolazione europei ad alcune delle più remote isole del Pacifico.

Misure preventive

Il lavaggio regolare delle mani e di altre parti del corpo esposte con il sapone è generalmente raccomandato in ambienti noti per avere il virus dell'influenza attivo. Le vaccinazioni sono disponibili anche per alcune macchie virali influenzali. Le vaccinazioni influenzali aggiornate sono generalmente raccomandate per essere ricevute ogni anno, poiché il virus è in rapida evoluzione e i vaccini fatti per un altro anno potrebbero non essere più efficaci in seguito.

Gli attacchi influenzali sono generalmente trattati con farmaci antivirali contenenti inibitori della neuraminidasi e inibitori della proteina M2. Tuttavia, poiché l'influenza è un disturbo comune che si manifesta in tutte le fasce d'età e in tutte le regioni, i pazienti sono generalmente invitati a riposare, ad evitare di uscire e a continuare a consumare alcolici e prodotti a base di tabacco, che potrebbero peggiorare la situazione. I farmaci a base di paracetamolo sono ampiamente usati come farmaci comuni in caso di attacchi lievi. Recentemente è emersa una virulenta macchia di virus influenzale, classificata come varietà H5N1, che nei mass media è diventata popolarmente conosciuta come "influenza aviaria" o "influenza aviaria". Per questo particolare ceppo che ha causato un recente focolaio, i farmaci sono ora ancora in fase di ricerca e sviluppo. Infatti, il paracetamolo non è considerato efficace nel trattamento dell'infezione da H5N1. Il farmaco Oseltamivir è generalmente utilizzato nel suo trattamento, anche se studi di efficacia su larga scala devono ancora confermare l'utilità di questo farmaco, sebbene negli studi preliminari sia stato osservato che inibisce le infezioni all'interno dei corpi dei pazienti.

Raccomandato

Chi sono i Kunama People?
2019
Le quattro isole maggiori delle isole Baleari
2019
Quali lingue sono parlate in Turchia
2019