Economia di Aruba

Economia di Aruba

Aruba si trova nel sud del Mar dei Caraibi, a 15 miglia dalla costa del Venezuela. È lungo 18, 6 miglia ed è uno stato costituente del Regno dei Paesi Bassi. I suoi abitanti sono stimati a 103.400 e sono indicati come Arubans o Olandesi. La capitale e la città più grande dell'isola è Oranjestad, che ospita circa 34.980 abitanti.

Economia

La valuta in circolazione nel paese è il fiorino di Aruba, che è ancorato a $ 1, 79. Il PIL è stato approssimato a $ 2, 516 miliardi nel 2009 e il PIL pro capite stimato era di $ 25, 300 nel 2011. Il paese ha una piccola economia aperta dominata dal settore dei servizi. Turismo, finanza, ospitalità, affari e bunkeraggio di petrolio sono tra le principali industrie di servizi. Il settore dei servizi contribuisce per oltre il 60% all'economia di Aruba. L'industria e l'agricoltura contribuiscono al 33, 3% e allo 0, 4% rispettivamente del PIL. Il tasso di disoccupazione di Aruba è stimato al 6, 9%.

Settore del turismo

Prima Aruba prosperò economicamente a causa dell'industria della raffineria di petrolio. Era la sede della raffineria Lago, che fino alla sua chiusura nel 1985 era una delle più grandi raffinerie di petrolio del mondo. Il governo dell'isola decise quindi di utilizzare la posizione strategica del paese sul lungomare per stabilire un settore turistico. Il paese ha un clima semi-arido tropicale che si traduce in un sacco di sole durante tutto l'anno. Nel 1959, il primo hotel di lusso di Aruba fu costruito dando il ritmo al settore immobiliare di lusso. Negli ultimi tempi, l'isola ha visto una rapida crescita nella creazione di hotel e strutture che hanno attirato un numero crescente di arrivi e voli. Più di 1 milione di turisti arrivano ad Aruba ogni anno, la maggior parte da Nord e Sud America. Sebbene la crescita nel settore del turismo sia stata impressionante, il governo sta cercando di incoraggiare la crescita in altre aree, comprese le comunicazioni e la finanza per ridurre la dipendenza dal turismo.

Esportazioni e importazioni

Aruba è più un importatore che un esportatore, in particolare per i beni capitali e di consumo. Nel 2014, il paese ha importato beni per un valore di $ 1, 528 miliardi rispetto ai $ 312, 7 milioni di esportazioni. Le principali esportazioni sono i trasporti e le apparecchiature elettriche, l'arte e il collezionismo, i prodotti animali, i macchinari e gli animali vivi. I principali partner di esportazione sono i Paesi Bassi dei Caraibi, i Paesi Bassi, la Colombia, il Venezuela, gli Stati Uniti e il Canada. Prodotti alimentari, materiale elettrico, prodotti chimici, olio raffinato e macchinari costituiscono la maggior parte delle importazioni nazionali. Gli Stati Uniti forniscono il 50, 8% delle importazioni dell'isola, seguita dai Paesi Bassi al 12, 1% e il Regno Unito al 7, 5%.

Tendenze future

Così com'è, il turismo rappresenta il 30% del reddito dello stato. Il governo ha cercato di ridurre questa dipendenza attraverso misure come l'istituzione di una moratoria sulla costruzione di un nuovo hotel. Ci si aspetta che l'economia dell'isola si propenda verso la diversificazione nel tentativo di ridurre l'impatto dei futuri crolli nel turismo. Tra le attività mirate alla diversificazione ci sono la tecnologia, le comunicazioni e la finanza. Il governo mira a rendere Aruba più autosufficiente, e si prevede che l'isola sia naturalmente classificata come una delle isole più prospere dei Caraibi.

Raccomandato

Animali delle montagne dell'Atlante
2019
Cosa significano i colori e i simboli della bandiera dell'ASEAN?
2019
Prima guerra mondiale: fatti e informazioni
2019