Cosa fa un archeologo?

Un archeologo studia, analizza e recupera il passato umano recente e preistorico attraverso resti materiali osservabili del passato in una ricerca per consentire una comprensione più ampia e completa della cultura umana. La disciplina dell'archeologia è una branca dell'antropologia. I resti materiali includono artefatti, architettura, biofatti (ecofatti) e paesaggi. Gli obiettivi di un archeologo comprendono la comprensione della storia culturale, la costruzione di modi di vita passati, la documentazione della storia umana e la spiegazione dei cambiamenti nelle società umane nel tempo. Gli archeologi sono importanti perché ci aiutano a capire oltre il 99% del passato umano non registrato, le loro società e il modo in cui si sono evoluti fisicamente e le loro invenzioni nel tempo.

Tipi di archeologi

La caratteristica comune di tutti gli archeologi è che sono coinvolti nel rilevamento, nella raccolta di dati, nell'analisi e nell'interpretazione. Gli archeologi prendono in prestito tecniche di altre discipline come antropologia, storia, storia dell'arte, classici, etnologia, geografia, geologia, linguistica, semiologia, fisica, scienze dell'informazione, archeologia computazionale (anche conosciuta come archeologia digitale), archeogaming, chimica, statistica, paleoecologia, paleontologia, paleozoologia, paleoetnobotanica e paleobotany. La disciplina dell'archeologia è diversificata e ci sono alcuni archeologi specializzati in campi specifici. Includono archeologi storici, etnoarcheologia, archeologi sperimentali, archeometria, archeologi femministi, archeologi di salvataggio, archeologi marittimi e molto altro. Gli archeologi storici studiano le culture attraverso la scrittura mentre l'etnoarcheologia è lo studio etnografico delle persone esistenti intese ad aiutare nella comprensione dei registri archeologici. Gli archeologi sperimentali di solito usano la sperimentazione per ottenere un'osservazione concreta e controllata dei processi che creano e influenzano la documentazione archeologica. L'archeometria usa l'applicazione di fisica, chimica e ingegneria per sistemare le misurazioni archeologiche. Gli pseudo-archeologi sono individui che si definiscono archeologi ma violano l'etica archeologica normalmente accettata e scientifica.

Le sfide affrontano gli archeologi

L'ascesa degli pseudo-archeologi ha indebolito la qualità e la credibilità delle opere archeologiche. Il saccheggio e la distruzione di siti archeologici sono in aumento. Il saccheggio può accadere quando le parti interessate saccheggiano gli artefatti da vendere, oppure i locali che si sentono attaccati ai manufatti li rubano. Alcuni locali considerano anche gli archeologi che vengono nelle loro case ancestrali e portano con sé materiali culturali e religiosamente significativi come ladri. Gli archeologi considerano il passato lineare (il passato è passato da molto tempo) mentre i nativi lo considerano ciclico (disturbare il passato è un cattivo auspicio). In tale scenario, l'accademico entra in conflitto con la necessità di rispettare il passato.

Storia degli archeologi

Uno storico umano del Rinascimento italiano Flavio Biondo è il più antico archeologo conosciuto. Scrisse una guida sulle rovine e la topografia della prima Roma all'inizio del XV secolo. I primi archeologi furono chiamati antiquari nei secoli XVII e XVIII, i cui studi si concentrarono solo sulla storia di siti storici, manoscritti e manufatti antichi (antiquariato). Si sono concentrati su prove osservabili per capire il passato. Alcuni di questi antiquari hanno esaminato e spiegato la campagna inglese, i disegni e i monumenti. Anche gli studi della metà del XVIII secolo sono stati l'evoluzione del testo scritto a mano, utensili, forme di scudo, architettura e diversi tipi di costumi, tra gli altri. Durante questo periodo non furono usati scavi specializzati come la stratificazione. All'inizio del XIX secolo, William Cunnington (il padre degli scavi archeologici) sviluppò la maggior parte dei termini e delle procedure usate dagli archeologi fino ad oggi includendo la stratigrafia (ogni strato sovrapposto risaliva a un periodo successivo in ordine cronologico). Negli anni '20, Sir Mortimer Wheeler sviluppò il sistema di scavi della rete. La maggior parte delle università ha anche iniziato a offrire programmi di archeologia durante questo periodo. Oggi quasi tutti gli archeologi sono laureati.

Futuro dell'archeologia

Attualmente, gli archeologi imparano e condividono le società umane passate e le vite che conducono oltre 2, 5 milioni di anni fa. L'archeologia porta alla luce molti dei progressi tecnologici dell'umanità, lo sviluppo di strumenti, la metallurgia, l'ascesa di città, religione e agricoltura, tra gli altri. Gli archeologi forniscono gli unici mezzi disponibili per apprendere e comprendere l'esistenza e i comportamenti delle società passate di persone. Come area di studio in via di sviluppo, gli archeologi moderni utilizzano programmi e tecniche informatiche specializzati per misurare e trarre conclusioni. Questa area di studio è evidentemente in evoluzione, e negli anni successivi è prevista una maggiore sottodisciplina dell'archeologia, oltre a spiegazioni più concrete dei risultati.

Raccomandato

L'hotspot della biodiversità di Wallacea
2019
Quanti tipi di pianure ci sono nella geografia?
2019
Qual è l'Iditarod?
2019