Cos'è un anno bisestile?

Un anno bisestile è un anno solare con un giorno aggiuntivo aggiunto. Questo giorno aggiuntivo garantisce la sincronia tra l'anno solare e l'anno stagionale / solare / astronomico. Invece di avere i soliti 365 giorni, un anno bisestile ha 366 giorni. Questo è rappresentato nel mese di febbraio. In un anno bisestile, febbraio ha 29 giorni, anziché i soliti 28. Un anno bisestile viene aggiunto al calendario ogni quattro anni.

Perché abbiamo anni bisestili?

Ora che conosciamo la risposta alla domanda "Che anno bisestile?", La prossima domanda che inevitabilmente sorge è "Perché abbiamo anni bisestili?"

Per rispondere a questa domanda, dobbiamo prima sapere cosa determina la durata di un anno di calendario in primo luogo. Nel calendario gregoriano ci sono 365 giorni all'anno e questo corrisponde al periodo che la Terra impiega per completare una rivoluzione intorno al sole (noto anche come "l'anno solare").

Tuttavia, il problema è che l'anno solare non corrisponde esattamente a 365 giorni. Per essere precisi, la Terra impiega in realtà 365 giorni, 5 ore, 48 minuti e 46 secondi per completare una rivoluzione intorno al sole. Questo è di circa 365 ¼ giorni o 365.2422 giorni. Questo vuol dire che l'anno solare e l'anno solare non sono completamente "sincronizzati" se ci sono 365 giorni in ogni anno solare. Anche se questa leggera variazione potrebbe non sembrare troppo significativa, i giorni di trimestre in più durante l'anno solare renderebbero il nostro calendario inferiore a un giorno rispetto all'anno solare dopo ogni quattro anni. Quindi, ogni quattro anni viene aggiunto un giorno bisestile per compensare la differenza e mantenere sincronizzate le stagioni e il calendario.

Cosa accadrebbe se non avessimo avuto anni bisestili?

Se non avessimo avuto anni bisestili, dopo un secolo ci sarebbe stata una differenza di 25 giorni tra l'anno solare e l'anno solare.

Se le differenze dovessero accumularsi, dopo 100 anni, l'estate non sarebbe più iniziata a giugno ma inizierebbe a luglio - quasi un mese dopo. Questa situazione si presenterebbe perché l'anno solare sarebbe 25 giorni prima dell'anno solare. Le stagioni e i mesi non sarebbero più "in sincronia". Gli studenti dovrebbero aspettare un mese in più per godersi le loro vacanze estive!

Il problema con la soluzione dell'anno bisestile

Sfortunatamente, la soluzione di un anno bisestile è imperfetta. Quando si guardano le cifre, in realtà non è sufficiente sincronizzare il calendario con l'anno solare.

Perchè così?

Questo perché con l'aggiunta di un giorno di 24 ore ogni quattro anni nel calendario, l'anno solare ora supererà l'anno solare di 11 minuti e 14 secondi ogni anno. Questa differenza può essere spiegata dal fatto che la durata esatta dell'anno solare che supera l'anno solare è di 5 ore, 48 minuti e 46 secondi . Quindi, se un anno bisestile viene aggiunto dopo ogni quattro anni, aggiungerebbe 6 ore all'anno all'anno civile. Ciò renderebbe l'anno solare di circa 11 minuti e 14 secondi più lungo dell'anno solare. Ciò significa che ora abbiamo un anno di calendario più lungo di un anno solare. Se questa differenza fosse consentita per crescere, dopo 128 anni, l'anno solare finirebbe per avere un giorno in più!

Pertanto, la regola dell'anno bisestile non è abbastanza buona!

Calcoli: (5 ore, 48 minuti e 46 secondi = 20.926 sec; 6 ore = 21.600 sec; Differenza: 21.600-20.926 = 674 sec = circa 11 min 14 sec)

La prossima soluzione

Per rettificare la situazione, un'altra modifica è stata introdotta nel calendario gregoriano nel lontano 1582. Gli anni bisestili sarebbero stati omessi ogni 400 anni. Ciò contribuirebbe ad accorciare l'anno solare eliminando gli 11 minuti e 14 secondi in eccesso.

Questa ingegnosa correzione del calendario gregoriano sembra essere la soluzione definitiva, giusto?

Ma aspetta, ancora, l'anno solare è mezzo minuto più lungo dell'anno solare. A questo ritmo, dopo quasi 3.300 anni, il calendario gregoriano si sposterebbe di un giorno dall'anno solare. Per il momento, il problema rimane e le nostre future generazioni dovranno capire come accogliere questo cambiamento "mezzo minuto" per mantenere l'anno solare e le stagioni in perfetta armonia.

Chi ha inventato l'anno bisestile?

Gli sforzi per rendere l'anno solare adatto ai nostri calendari annuali sono stati fatti fin dai tempi antichi. Alcuni dei primi calendari, come quello dei Sumeri usati 5000 anni fa, avevano solo 360 giorni composti da 12 mesi di 30 giorni ciascuno. Pertanto, il loro anno era quasi una settimana più breve dell'anno solare. Gli antichi egizi e alcune altre civiltà usavano calendari lunari con mesi lunari con una durata media di 29, 5 giorni.

Questi calendari lunari di 354 giorni hanno portato le società che li utilizzavano a scivolare fuori dal tempo. Quando gli egiziani adottarono il calendario sumero a 360 giorni, aggiunsero altri cinque giorni alla fine dell'anno e dedicarono questi giorni ai festeggiamenti. Questo ha creato un calendario di 365 giorni. A poco a poco, gli egiziani hanno sviluppato il concetto dell'anno bisestile nel tentativo di compensare la differenza tra l'anno solare e l'anno solare e possono essere considerati gli "inventori dell'anno bisestile".

In un'altra parte del mondo, gli antichi romani utilizzavano ancora il calendario lunare e lo sistemavano regolarmente aggiungendo mesi o giorni in modo irregolare, nel tentativo di mantenere sincronizzate le stagioni e il calendario. Quando Giulio Cesare salì al potere, il calendario romano si era già allontanato dalle stagioni di circa tre mesi. L'inconveniente costrinse i romani a pensare a una soluzione al problema. È allora che Cesare ha adottato il sistema egiziano di includere un giorno bisestile ogni quattro anni. Ha introdotto per la prima volta un solo anno di 445 giorni per correggere gli anni di deriva in un colpo solo. L'anno fu nominato Anno della Confusione (46 aC). Quindi, ha incaricato l'introduzione dell'anno bisestile ogni quattro anni per garantire una media di 365, 25 giorni all'anno. Furono i Romani a scegliere per primi il 29 febbraio come il giorno bisestile.

Regole per determinare un anno bisestile

Un anno è un anno bisestile se è divisibile per 4. Tuttavia, un anno deve essere divisibile per entrambi i 4 e 400 per essere un anno bisestile. Ciò è particolarmente importante se applicato a anni che possono essere esattamente divisi per 100 come l'anno 1600, 1700, 1900 e 2000. Ad esempio, l'anno 1700 che è divisibile per 4 e non è divisibile per 400, non è stato un salto anno mentre gli anni 1600 e 2000 che sono divisibili per entrambi i 4 e 400 erano anni bisestili. Gli anni bisestili iniziano sempre di sabato con il 29 febbraio di questi anni che cadono sempre il martedì.

L'anno 2000 è stato un anno bisestile?

Come accennato in precedenza, il 2000 è stato un anno bisestile con 366 giorni, con febbraio con 29 giorni invece dei soliti 28.

Quando è il prossimo anno bisestile?

Il prossimo anno bisestile sarà il 2020. I quattro anni bisestili successivi al 2020 saranno il 2024, il 2028, il 2032 e il 2036.

Il prossimo anno bisestile sarà 2400.

Compleanni su anni bisestili

C'è un 1 su 1.500 possibilità di una persona nata il 29 febbraio. In tutto il mondo, 4 milioni di nascite sono state registrate nel Giorno del Balzo tra cui 187.000 nascite solo negli Stati Uniti.

Per le persone nate nei giorni bisestili o il 29 febbraio, il calcolo della loro età e delle date importanti relative alla loro età diventa un po 'complesso. Ad esempio, una delle domande che si presentano è: a che età tali persone potrebbero avere diritto a richiedere una patente di guida? Sarebbe il 29 febbraio o il 1 marzo se l'anno in cui compiono 18 anni è un anno non bisestile? Tali domande ambigue sono decise dalle leggi esistenti in diverse aree del mondo.

Raccomandato

I 10 animali più dormienti del mondo
2019
Acquari più antichi negli Stati Uniti
2019
Chi ha scritto lo Star Spangled Banner?
2019